L’ALBA DEL PECCATO, OVVERO UN’ALBA PER RINASCERE

DI OLIVIA GOBETTI

Un romanzo in bilico tra quelle due Forze che, dal ‘Grande Inizio’, non hanno mai smesso di contrastarsi, rincorrendosi nelle strade impervie e infinite dell’universo: il Male e il Bene si sfidano, talvolta si abbracciano come due facce della stessa medaglia, mischiando sapientemente le carte della nostra esistenza, ma solo per metterci alla prova e testare il nostro grado di consapevolezza e coraggio. Assumono le sembianze delle loro vittime o carnefici, strizzandoci l’occhio con promesse fasulle e cucendo abiti reali che mai indosseremo, se non attraverso le lenti spietate delle illusioni. L’autore, abilmente, sfida queste due Forze, le sovrappone, dando loro i volti dei suoi personaggi: Daisy, giovanissima e talentuosa artista, Adriano, genio che si esprime attraverso una grave forma di schizofrenia associata a una personalità multipla, Guido e il suo desiderio di sfidare il mondo a gamba tesa e di scoprirne peccati e virtù. E poi, Leo, Filippa e tutti gli altri che, a ogni pagina, scoprono e nascondono, cadono e si rialzano, rincorrono amori, paure ed emozioni. Affrontano a occhi aperti i loro demoni, con la spavalderia e quel pizzico di incoscienza, tipici di un’età a cavallo tra incanto e disincanto. Un thriller psicologico che non nasconde le sfumature magiche del paranormale, che redime e ridà nuova energia al potere salvifico dell’Amore. Quello stesso sentimento che mai ci risparmia dal sacrificio e dalle umane sofferenze, e che ogni volta si purifica passando, necessariamente, attraverso la nostra personale “Alba del Peccato.”