LA CELEBRE FOTO DI BENIGNI E BERLINGUER: UN RICORDO PERSONALE

DI FABRIZIO FALCONI

 

Avevo 24 anni e quel giorno era un magnifico pomeriggio di giugno, quando Roma ancora non si era trasformata in una città dal clima sub-tropicale, con temperature a 40 gradi e siccità terribile.
Sulla terrazza del Pincio soffiava il ponentino, e noi ragazzi – che frequentavamo Villa Borghese come il nostro magnifico jardin d’été – fummo attratti dai suoni amplificati di una band che provava un concerto sul palco allestito proprio dirimpetto alla balaustra del Valadier.
Era per l’esattezza venerdì 17 giugno del 1983 e il Partito Comunista aveva organizzato diverse manifestazioni in giro per Roma, di cui questa al Pincio.
Di lì a qualche giorno, il 26 giugno si sarebbe votato per le elezioni politiche, quelle che avrebbero visto un deciso calo della Democrazia Cristiana e il PCI quasi al 30 per cento (dopo quelle elezioni il presidente del Consiglio sarebbe diventato, per la prima volta, il socialista Bettino Craxi).
Al contrario di come si è immaginato dopo quella celebre foto, c’era pochissima gente di fronte al palco in quel pomeriggio – non più di un centinaio di persone, perlopiù curiosi come noi che erano venuti ad assistere alle prove del concerto, in programma qualche ora più tardi.
Sul palco c’era già però Roberto Benigni, che era già molto amato e che qualche anno prima, nel 1977, aveva interpretato il film diretto da Giuseppe Bertolucci, Berlinguer ti voglio bene.
Benigni, come era suo stile, accorgendosi che già un po’ di pubblico s’era radunato, mise in scena un ironico comizio di una decina di minuti, facendo sbellicare i presenti. Ma la vera sorpresa accade qualche minuto dopo.
Accadde infatti che sul palco si materializzò all’improvviso nientemeno che il segretario del PCI  Enrico Berlinguer, il quale in quei giorni di campagna elettorale girava per Roma visitando i diversi palchi allestiti in città.
Forse aveva promesso a Benigni – e al giovanissimo Walter Veltroni che aveva organizzato la manifestazione del Pincio e che si intravvede infatti chiaramente in piedi sullo sfondo nella fotografia – di fare una apparizione.
Non appena Benigni lo scorse, di lato al palco, lo chiamò, lo fece venire al microfono di fianco a sé e disse, dopo avergli stretto la mano: “io vorrei prenderlo in collo ma lui non si farà prendere, sarebbe il mio sogno prendere in collo Enrico Berlinguer”.
Così avvenne: sotto i nostri occhi stupefatti, subito dopo lo prese effettivamente in braccio per pochi secondi. Berlinguer non si sottrasse al gesto e sorrise di gusto allo scherzo del toscanaccio.
La scena fu la fortuna di un paio di paparazzi, che si trovavano lì per l’occasione e che realizzarono una foto divenuta poi incredibilmente famosa, anche all’estero.
Enrico Berlinguer, protagonista della svolta “eurocomunista”” – aveva da poco portato il PCI, il maggior partito comunista nell’Europa occidentale, al miglior risultato mai raggiunto, il 34,4 per cento alle elezioni politiche del 1976. 
Era poi seguito, appena due anni più tardi il sequestro di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse e il suo assassinio, che inaugurarono una stagione difficilissima per l’Italia e anche e soprattutto per la sinistra italiana. 
Berlinguer morì appena un anno dopo questa foto: l’11 giugno 1984, a Padova, dopo l’ictus che lo aveva colpito quattro giorni prima, mentre stava tenendo un comizio in piazza della Frutta.
Si concludeva così, drammaticamente, una intera stagione politica. 
A noi, giovani di allora, aver assistito al bagliore – questo sì, assai romantico – di questo fecondo tramonto.