POTERE AL POPOLO: L’ALTERNATIVA HA SPAZI REALI

DI PAOLO FERRERO

Ottima assemblea di Potere al Popolo a Roma. Bel clima, bell’entusiasmo, voglia di andare avanti. La percezione che la costruzione dell’alternativa abbia spazi reali. Adesso mi paiono tre le cose principali da fare.
Innanzitutto generalizzare sui territori pratiche sociali solidali e conflittuali.
In secondo luogo costruire campagne nazionali su cui costruire opposizione a politiche liberiste: da abolizione Fornero a reddito minimo per disoccupati, da scuola ad abolizione pareggio di bilancio in Costituzione.
In terzo luogo costruire processualmente e democraticamente Potere al Popolo sui territori: andare oltre alle assemblee provinciali di soli militanti e costruire assemblee territoriali, capillari, che coinvolgano il complesso delle forze disponibili a battersi per l’alternativa e permettano un radicamento vero ed un allargamento vero di Potere al Popolo. Un Potere al Popolo in cui ogni compagno e ogni compagna, iscritto o non iscritto a partiti, conti per uno e possa far valere il suo lavoro e le sue opinioni. Costruire il Movimento Potere al Popolo in modo democratico, partecipato e plurale: mettiamo insieme cosa ci unisce e lasciamo fuori dalla porta quello che ci divide.