PERCHE’ M5S NON PUO’ REALIZZARE UN GOVERNO CON LA LEGA?

DI ROBERTO SCHENA

Qualora Salvini dovesse accettare, Di Maio sarebbe costretto a cedergli la poltrona di premier perché il sacrificio maggiore, cioè la rottura dell’alleanza con il centro destra, lo farebbe lui, oltretutto ponendo a rischio le maggioranze delle tre regioni dove governa, o i due governatori. E per di Maio sarebbe una doppia disfatta: niente premierato e molte critiche dal Sud (per l’eventuale alleanza con il Carroccio), dove ha fatto il pieno dei voti. I 5 stelle sono obbligati a una politica neomeridionalista, cosa che la Lega non gli consentirebbe affatto di realizzare, o a sua volta perderebbe consensi al Nord.
Su una cosa il Pd ha ragione da vendere (e non solo su una, ovviamente): i 5 stelle non possono pretendere di trattarlo alla stregua della Lega. Devono decidere, se scelgono il Pd (e Leu, non dimentichiamolo, altrimenti non ci sono i numeri al senato) il governo si orienta a sinistra, se la Lega, si orienta a destra. Se il Pd, scelgono l’Ue, l’alleanza occidentale e il meridionalismo, se la Lega vanno verso l’euroscetticismo e Putin.
Se non si fa nessun governo, i 5 stelle perdono di credibilità.