SYLVIA EARL, OVVERO LA SIGNORA DEGLI ABISSI

DI NICOLA FRATOIANNI

Sylvia Earl ha 82 anni ed è una delle più influenti studiose del mare al mondo. Già nel 1964 aveva guidato una spedizione di due settimane nell’Oceano, tanto che l’hanno ribattezzata la Signora degli abissi.
Oggi Sylvia ci avverte che l’inquinamento, l’eccessivo utilizzo di plastica e la pesca intensiva stanno ammazzando il mare, rischiando così di compromettere per sempre il sistema naturale su cui si è basata la Terra.
E avanza una proposta: dei punti speranza nel mare, in cui non è possibile pescare e inquinare.
E racconta di Cabo Pulmo, nel Golfo di California, devastato negli anni 80, reso riserva naturale è ritornato a vivere.
Ecco, questo è il punto: ne va della nostra stessa vita.
Come dice Sylvia: “Distruggere o salvare? Giovani, se conoscete la risposta giusta condividetela e praticatela”.

L'immagine può contenere: una o più persone, oceano, bambino, spazio all'aperto e acqua