VALERIA ZAZZARETTA, L’INTERPRETE DI STORIE E DI VITE ALTRUI

DI ANTONIO AGOSTA

Valeria è una giovane attrice romana, classe 1989, l’interprete camaleontica del grande e del piccolo schermo. I suoi personaggi sono la risposta a quel mondo cardine che è il cinema, interpretando se stessa in maniera diversa e vivendo a pieno il suo lavoro di protagonista.

La sua passione per il cinema è nata quando era poco più che una bambina, riproponendo con il padre spot pubblicitari e sketch improvvisati. Poi, all’età di sedici anni, per evadere dal mondo scolastico e assumere sicurezza interiore, inizia a studiare cinema a Roma. Valeria capisce che la recitazione è il suo futuro professionale, ritrovandosi su un set vero, del suo primo lungometraggio come protagonista, con tanta emozione e l’adrenalina alle stelle, a Torino lontano dalla sua amata Roma.

“Il lavoro di attrice è una scelta di vita, ti cambia i punti di riferimento della propria quotidianità nella consapevolezza di vivere l’incertezza di cosa farai nei prossimi mesi e di un provino che non va come tu avevi pensato”. Un attore non sa mai quale sarà il suo prossimo lavoro e a quale casting dovrà partecipare, accettando tacitamente la precarietà di quell’industria che riprende l’estensione dello spazio e la dimensione del tempo, definita come la “settima arte”.

Valeria è una ragazza semplice ma determinata allo stesso tempo. Il suo sorriso conquista tutti, oltre al suo aspetto scenico. Valeria afferma che una brava attrice deve comprendere in modo immediato i pensieri e gli stati d’animo della persona con cui devi lavorare, dal regista al collega, e per finire alla squadra di lavoro, entrando nel personaggio da interpretare facendoti guidare dal direttore artistico.

L’attrice sostiene che il cinema italiano è ricco di attori e attrici, del presente e del passato, dai talenti straordinari, artisti dai quali prendere ispirazione. Valeria Zazzaretta si è fatta conoscere in tv nel ruolo di Marisa “la maestra combina guai”, nella fortunata fiction  “Don Matteo10”, accanto ai bravissimi Terence Hill e Nino Frassica, facendosi apprezzare per la sua bravura vera e non costruita. Il suo sogno di Valeria è di lavorare per registi come Poalo Virzì e Carlo Verdone, creatori di personaggi femminili che lasciano il segno. “C’è sempre tempo per tutto”. Questo è il suo pensiero.

Valeria, nel suo privato dichiara di non essere una brava cuoca, nonostante sappia preparare bene la torta cheesecake. Se non avesse intrapreso la professione di attrice, nonostante il successo raggiunto, sicuramente si troverebbe con uno zaino in spalla in giro per il mondo, perché ama viaggiare e conoscere nuove realtà lontane dal nostro modo di vivere.