QUEL GIORNO, A QUINDICI ANNI, CHE VIDI “L’ALBERO DEGLI ZOCCOLI” DI OLMI

DI FLAMINIA LIZZANI

https://www.alganews.it/

A 15 anni mentre facevo dannare i miei genitori con ritardi cosmici, musi lunghi, i che palle che silenziosamente facevano tutto il giro della casa rimbalzando di muro in muro mentre loro tempravano virtuosamente l’arte della pazienza, su una cosa c’era poco margine di negoziazione ed era questa: vedere al cinema alcuni film. Questo anche dopo i 15 anni. Senza forzare senza imporre. È che se li perdevo vedevo una linea amara per un tempo lungo anche se breve segnare il viso di mio padre. Era un attimo e non c’era ricatto o delusione era qualcosa di molto intimo. Quindi non per non deluderlo ma perché sapevo che avrei perso qualcosa che lui aveva amato molto e perché perdere l’occasione di amare insieme una visione speciale era come lasciare un vuoto, i film che mi suggeriva, anche se a volte controvoglia li andavo poi a vedere. Spesso con lui, con loro. Poi sola o con amici, spesso con loro anche quando ero più grande, era un rito che mi piaceva. Andavamo all’ Ariston al Rivoli al Capranichetta ora non li ricordo tutti i cinema. Molte sale che poi hanno chiuso. Poi negli ultimi vent’anni, anche se andava spesso al cinema ma non riusciva a vedere tutto, io ero molto più compulsiva, ero io che gli intimavo di correre a vedere alcuni film prima che li smontassero, si erano invertiti i ruoli ed era lui a chiedermi quali film non si potevano assolutamente perdere. Poi magari avevamo pareri diversi, ma quella fiducia condivisa era sempre una miccia accesa. Oggi sono di scatto tornata indietro nei miei 15 anni con questi ricordi intrecciati nel tempo a quel giorno in cui vidi l’Albero degli Zoccoli di Ermanno Olmi. Andai perché lo sguardo di mio padre tornato dal cinema mi contagio’ e dalle sue parole arrivava qualcosa di denso, di speciale, di insolito, qualcosa di molto misterioso che non mi potevo perdere. Ed era vero. Era proprio così. Grazie Ermanno Olmi. La stessa luce mi colpì anche con Padre Padrone dei fratelli Taviani.

Risultati immagini per QUEL GIORNO, A QUINDICI ANNI, CHE VIDI "L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI" DI OLMI