#GIRO2018. OTTAVA TAPPA PRAIA A MARE- MONTEVERGINE: VINCE CARAPAZ

DI CHIARA FARIGU

Ci si aspettava forse un po’ di più da questa ottava tappa vinta dal 25enne ecuadoregno Richard Carapaz, seguito dall’italiano Formolo e da Pinot, terzo classificato. Nessuno scossone alla classifica che pertanto rimane immutata con Yates ancora in maglia rosa. Emozioni e batticuori rimandati dunque a domani, domenica, per la nona tappa con l’arrivo al Gran Sasso.

Una pedalata lunga 209 Km quella odierna con partenza Praia a Mare e arrivo a Montevergine di Marcogliano. Un percorso variegato coi primi 40 km non particolarmente difficili, seguiti da tratti intervallati da brevi salite e discese e tanta pianura sino al km 154 con le prime salite, qualche falsopiano e poi gli ultimi 15 km di ascesa con una pendenza del 6% con arrivo a Montevergine.

Diverse le insidie che hanno caratterizzato la tappa. A cominciare dalla pioggia che da leggera si è fatta sempre più battente, con un graduale abbassamento della temperatura che ha creato qualche disagio ai ciclisti in gara. Diverse le cadute: dapprima Tim Wellens, uno dei favoriti, poi Froome che scivola cadendo sul fianco destro, già provato da una precedente caduta. Nessuna conseguenza per nessuno dei due che sono risaliti sulla due ruote terminando regolarmente la tappa. Gli ultimi due Km sono quelli decisivi con un Carapaz che agguanta Bouwman che tentava l’azione solitaria, aggiudicandosi la vittoria e la maglia bianca. La prima volta per un ecuadoregno al Giro d’Italia.

Staccati tutti i big di 7”.

Domani altra pedalata di 225 Km: Pesco Sannita-Campo Imperatore, il 3° arrivo in salita dopo l’Etna e quello odierno a Montevergine. Tappa avvincente, panorami mozzafiato. Lo spettacolo è assicurato.

L'immagine può contenere: una o più persone e testo