EUFORIA DI VALERIA GOLINO PRESENTATO A CANNES

DI ELISABETTA VILLAGGIO

Presentato oggi a Cannes, Euforia, il secondo film da regista di Valeria Golino che ha già diretto Miele e che era stato presentato nella stessa sezione nel 2013. Il film è candidato al Festival di Cannes nella sezione Un certain regard. Una storia delicata e fragile come la stessa Golino ha descritto questo suo nuovo lavoro che racconta la storia di due fratelli molto diversi tra loro che si rincontrano e devono fare i conti con il loro passato e con la malattia di uno dei due. Matteo, Riccardo Scamarcio, è un giovane imprenditore tutto sprint, sport ed energia. È sicuro di sé mentre suo fratello Ettore, Valerio Mastrandrea, che vive ancora nel paese di provincia dove sono nati e cresciuti, è dimesso, frustrato e non realizzato ma nasconde le sue insoddisfazioni dietro a un certo cinismo e sarcasmo. La vita prende il sopravvento e i due fratelli così lontani e dissimili sono costretti a confrontarsi. Euforia è quella sensazione che hanno i subacquei sott’acqua nel momento preciso in cui se non risali in superficie rischi di perderti e i due fratelli vivono in un momento della loro vita dove entrambi, per motivi diversi, rischiano di perdersi, racconta Valeria Golino. Scritto con Francesca Marciano e Valia Santelia il film è prodotto dall’Indigo film. Nel cast anche Isabella Ferrari, Valentina Cervi e Jasmine Trinca. Anche in questo film così come nel suo primo Golino affronta il tema della malattia e della morte con tutta la leggerezza che può. Ispirato a fatti realmente accaduti ad amici e persone della sua famiglia come racconta nelle note di regia, Euforia racconta la debolezza umana che riesce poi a diventare forza e a creare il riscatto dei protagonisti.