L’OFFENSIVA UE E’ CONFERMARE CHE NON C’E’ ALTERNATIVA AL LIBERISMO DOMINANTE

DI STEFANO FASSINA

Di seguito la mia intervista di oggi a Il Manifesto nella quale sostengo una tesi semplice: al di là della praticabilità di singoli punti di programma, l’offensiva della Commissione europea e degli interessi più forti dentro e fuori Italia contro il nascituro governo M5S-Lega ha un obiettivo politico preciso: come per Syriza in Grecia, l’obiettivo è confermare che non c’è alternativa all’ordine liberista dominante. La sinistra non può farsi schiacciare nel bipolarismo establishment-antistablishment. La strada da imboccare è il patriottismo costituzionale, il primato della nostra Costituzione sui Trattati europei. Le nostre posizioni in Parlamento nei confronti del nascituro Governo M5S-Lega devono stare al merito: senza sconti su un posizioni inaccettabili su migranti, ma disponibile su pensioni, investimenti, contrasto alla povertà, ambiente. L’uscita dall’euro non è in discussione, ma è evidente che mercato unico europeo e moneta unico colpisco il lavoro e le classi medie. Buona lettura!