LEGA-M5S, IL LORO UN ACCORDO DI GOVERNO SENZA COPERTURE FINANZIARIE

DI PAOLO FERRERO

E’ difficile commentare la trattativa di governo perchè ogni giorno cambiano programma a seconda di come va la borsa e di cosa dicono i giornali. Basta vedere la presa in giro sulla Tav. Detto questo, Lega e 5 stelle stanno facendo un accordo di governo palesemente senza coperture finanziarie. E’ infatti evidente che sull’Unione Europea non c’è nulla salvo la propaganda.
Si potrebbe dire che è una presa in giro. Temo che non sia così. Mi pare che visiano due fattori da tenere in considerazione:
Il primo è che quando il programma costa molto e non ci sono i soldi innanzitutto si possono fare le cose che costano poco, come ad esempio far funzionare a pieno regime il Ministero degli interni a realizzare il programma di governo (sgomberi a gogò dalle case occupate ai campi, etc etc etc.). I cinque stelle hanno già cominciato ad applicare il porgramma prevedendo lo sgombro della Casa delle Donne a Roma.
La seconda è che si fa un bel condono e si prendono alcune misure spot, in modo da fare bella figura, come Renzi con gli 80 euro.
Poi magari si torna a votare nella primavera prossima e si prova a fare il pieno di voti alle nazionali come alle europee, costruendo il nuovo bipolarismo. Prima era tra liberali liberisti e adesso tra destre populiste liberiste. Più che di un governo si tratterebbe di un gigantesco spot elettorale pagato con i nostri soldi. Il modello sociale di riferimento? Polonia, Ungheria, Ucraina, dove le destre populiste governano….
Più che mai serve una sinistra antiliberista che si contrapponga alle due destre, a quelle liberiste e a quelle populiste. Anche di questo discuteremo il 26 e 27 prossimo a Napoli all’assemblea di Potere al Popolo.