GLI EURO DEL MINISTRO DEL POPOLO

DI VANNI CAPOCCIA

Qualche giorno fa scrissi che quelli per il governo grillo-leghista quando si accorgeranno che al governo faranno sul serio per uscire dall’euro e farci tornare alla lira avrebbero ritirato dalle banche i loro euro mettendoli “al sicuro in una cassetta di sicurezza, perché così quando la lira si svaluterà i soldi del popolo patriota e sovranista saranno al sicuro protetti dall’euro della perfida Merkel”. (https://www.alganews.it/…/i-furbi-sovranisti-della-lega-me…/)

Pensavo fosse una previsione, invece descriveva una realtà. Perché da Repubblica del 31 maggio veniamo a sapere che Claudio Borghi, economista della lega probabile futuro ministro del governo antieuro di Di Maio e Salvini, si era tutelato da tempo investendo all’estero 400.000 euro.

Perché quelli del popolo sovrano contro l’establishment vogliono così bene al popolo che si sacrificano per lui e tengono i loro pochi risparmi all’estero e in euro, mentre ai pensionati, salariati, precari li faranno vivere con la liretta in tasca che si svaluta ogni giorno, perché tanto loro sono del popolo e all’estero “mica ce devono andà”.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.