L’AUTOGOL DELL’OPPOSIZIONE

DI PAOLO BUTTURINI

Dileggiare Conte per l’inesperienza è un autogol: il voto del 4 marzo è stato ANCHE contro i professionisti della politica. Non capirlo significa non aver fatto un’analisi compiuta del sommovimento in atto (che non vuol dire condividerne tutti gli aspetti e ancor meno le risposte che vengono date). In questo caso l’inesperienza è un’arma (almeno fino a che non si entrerà nel merito dei provvedimenti) a favore della maggioranza. Schiacciarsi sul “noi siamo i professionisti e sappiamo come si fa” finisce per alimentare l’odio contro un establishment che, detto per inciso, non può certo vantare risultati esaltanti. Se si vuole fare opposizione e ritrovare il senso della sua espressione collettiva bisogna ripartire dalla voglia di partecipazione, di contare, in ultima istanza di democrazia che quel voto ha espresso.