UN VIAGGIO AFFASCINANTE ED ESCLUSIVO NELLE VISCERE DI ROMA: GLI HORREA VESPASIANI

DI FABRIZIO FALCONI

Scarpe comode, un cappellino per il sole, poi e’ bastato lasciare che la terra raccontasse la sua storia millenaria pagina dopo pagina, come se fosse un libro: in tanti questa mattina sono diventati “archeologi per un giorno” grazie alla giornata di archeologia pubblica proposta dal Parco Archeologico del Colosseo e dal Dipartimento di Scienze dell’Antichita’ dell’Universita’ La Sapienza di Roma.
L’iniziativa, dal titolo Storie dal Palatino, ha permesso a un nutrito gruppo di persone di visitare il cantiere archeologico degli Horrea Vespasiani, uno scavo ormai trentennale in cui l’ateneo capitolino ha formato i suoi archeologi migliori.
Prima tappa dell’itinerario e’ lo scavo aperto, con gli operai intenti a lavorare, nel quale sono emersi i resti di un grande horreum, un magazzino per le merci databile alla fine del I secolo d.C.: scavando, gli archeologi hanno scoperto un cunicolo pieno di frammenti di marmo, un pavimento con focolari e tre sepolture di bambini, tracce di vita del VII secolo d.C. che si sono salvate perche’ rimaste sotto terra.
Proseguendo, si arriva in una zona gia’ scavata e ora interrata, dove si puo’ avere un’idea complessiva dell’intera area delle pendici settentrionali del Palatino: dalle capanne della fine del X secolo a.C. alle modifiche nell’VIII secolo a.C., con la costruzione di una fortificazione con una porta cinta da bastioni, del santuario di Vesta e di una residenza regia, fino all’allestimento della prima Via Sacra pavimentata con lastre di tufo e di nuove case lussuose, per arrivare all’incendio neroniano del 64 d.C., in seguito al quale nasce una nuova Via Sacra fiancheggiata da portici, con un quartiere residenziale in cui sorge un horreum.
Il percorso si conclude poco piu’ avanti, con il gruppo di ‘ospiti’ che ha potuto osservare il lavoro di alcuni universitari, archeologi di domani, impegnati a pulire i reperti trovati nel corso degli scavi: dopo la pulitura, gli studenti si occuperanno di siglare i reperti, dividerli in classi, trovare i tipi ceramici e poi determinare la cronologia.
A giudicare dall’entusiasmo dei partecipanti, questo esperimento per avvicinare l’archeologia a romani e turisti e’ riuscito perfettamente: in tanti hanno fatto domande, alcune a carattere piu’ storico altre per soddisfare semplici curiosita’, e quasi tutti hanno scattato foto.
Fondamentale allo scopo e’ stato il modo scelto dagli organizzatori per comunicare una scienza cosi’ complessa, mostrando da un lato al pubblico il lavoro sul campo, dall’altro offrendo spiegazioni che hanno assunto i toni di un appassionante racconto per bocca di chi lavora in prima persona sui reperti archeologici.
La prossima giornata con visite guidate ci sara’ l’11 luglio, poi un’altra nella seconda meta’ del mese, e dopo la pausa di agosto, si ripartira’ a settembre, quando verra’ presentato al pubblico lo scavo della Coenatio Rotunda sul Palatino.
“I luoghi di Roma contengono piu’ storia di quella che viene raccontata, ma spesso cio’ che si vede non si capisce. Ecco perche’ i luoghi devono parlare attraverso racconti che diventano storie: solo cosi’ la comunicazione culturale e’ efficace”, dice all’ANSA il direttore dello scavo Paolo Carafa, professore di archeologia e storia dell’arte greca e romana alla Sapienza.