ESERCIZI DI STILE

DI MARCO GIACOSA

A Torino, un clandestino che chiede l’elemosina con il cappello in mano davanti a un supermercato in Barriera ha sventato una rapina in quel medesimo supermercato, e il titolare ha deciso di assumerlo. Ciascuno con i suoi soldi fa cosa vuole, ma non ce ne sono italiani senza lavoro? Solo perché ha avuto la fortuna di esser lì durante una rapina?

A Torino, un profugo, richiedente asilo che di solito passa la giornata davanti a un supermercato accogliendo qualche moneta in cambio di un sorriso, si è accorto che dentro qualcosa non andava e ha reagito a un rapinatore, bloccandolo. Il titolare, riconoscente, ha deciso di assumerlo.

A Torino, Osahon, 27 anni, non ha esitato, quando si è accorto di un uomo incappucciato che minacciava la cassiera, a volargli addosso e a bloccare il rapinatore stringendolo da dietro. Il titolare dichiara: «Ha avuto coraggio e intraprendenza, gli offrirò un posto di lavoro». Osahon è stato l’unico a reagire.