LE OPIGNONI DELLA GGENTE COMUNE

DI PAOLO VARESE

ROMA E LE BUCHE
Allora, dice che Roma ce so le buche. lo dice la gente che le buche le prendono quando sono in machina o sulla moto, e lo dicono anche tutti l’artri, pure a sindaca ora lo dice, dopo che ha pestato una buca in via del Corso. Ste cose le so perché leggo er giornale, mi informo, che informarsi fa bene al cervello e ti mette in condizione di rispondere a chi dice fregnacce (non è na parolaccia ). Insomma, tutti indignati e indisposti pe ste buche. A Roma. Ma io dico, Roma sulle buche c’ha costruito er suo futuro, nel passato, che non so come si dica ma er concetto è chiaro. I Fori Romani ad esempio, e che me significa foro se non buca? Cioè può pure significà forare, ner senso “c’ho un foro nella gomma”, ma chi te lo ha fatto er foro? Na buca. E allora o vedi che tutto torna? E poi diciamolocelo, sta storia delle buche serve solo a pijà li soldi dallo stato, perché e daje che na buca se vede, e secondo me chi ce casca o ce capita dentro mente sapendo di mentine, per fasse ridà i soldi della finta riparazione. Io guido a moto, cioè guido in generale, ma uso spesso a moto, no scooter che da 0 a 100 ce mette 5 secondi, tutto bello cromato co sta scritta che non se po di pe non fa pubblicità, e le pijo e buche, o mejo, le pijerei, ma basta evitalle, tanto a Roma se va contromano co la moto. E non me dite che non lo fanno tutti perché nce credo, se lo faccio io che so onesto e rispetto le regole, ma quelle giuste però no le stupidaggini tipo non se sorpassa a linea bianca, allora lo fanno pure l’artri. E co la macchina pure le eviti, poi certo devi sta attento ar coj..ehm, allo sciocco che solo perché cammina sulla corsia de sinistra o de destra non frena quando metti la freccia all’urtimo pe evità la buca e te sona perché dice che je taji la strada. Io non tajo la strada a nessuno, ma mica posso annà piano o rallentò pe fa passa tutti. Ho messo la freccia, statte zitto e frena. Ma vedi che la gente è strana. Uno l’artro giorno me sona perché ho evitato na buca sterzando. Allora manco guardo e tiro giù er finestrino e je faccio co la mano er segno tipo pe dì ma che voi. Embè, fatte na risata erano le guardie, a polizia, che me dice de accostà. Ahò, m’hanno fatto er verbale pe uso scorretto della freccia. Ma come, a me, e quale sarebbe l’uso corretto secondo loro, mette la freccia e aspettà che passano tutti, allora si che stai fresco. E je lo ho detto pure, jo detto “ma o sapete che a Roma ce so e buche e pe evitalle bisogna zigzagà”, e quello di uno dei due che m’ha fermato m’ha risposto che se rallenta o se va piano. Ciao core, allora dillo, non te annava de lavorà, perché ner tempo che m’hai fatto er verbale sai quanti che corono davero fermavi? Perché alla fine er problema de Roma non so le buche ma la gente che guida senza guardare, che cammina senza guardare, perché è chiaro che se guardi non inciampi. Pure a mi moje l’ho detto, che se mette li tacchi e poi cammina sulli sanpietrini e dice damme er braccio che sennò inciampo. Ma se te do er braccio poi come lo guardo er cellulare? Appoggiate oppure mettete le scarpe senza tacco, cioè ecco er problema de Roma, stamo sempre a chiede aiuto a quarcuno. Poi certo, se quarcuno se decidesse a riparà er marciapiede sotto casa mia non sarebbe comunque male, che io quanno esco cor cane a vorte devo lascià er cellulare in tasca perché quello le buche le evita de istinto e me ce fa cadè a me, allora me tocca guardà a strada e sai che pal..ehm, che noia, tanto quello deve fa li bisogni, e io devo guardà per non inciampare. Dateme retta che non esiste er problema delle buche, esistono quelli che non guardano ndo camminano, a parte mi fijo che cor motorino ha spaccato un cerchione perché c’era na buca inevitabbile, e l’ho detto pure alli vigili che so annati a rilevà l’incidente. Loro dicono che a buca era piccola ma che comunque posso richiede li danni, e io li richiedo, perché che ne sanno questi der danno che po fa na buca anche se piccola ma presa bene? Ecco er probblema de Roma, pe corpa de quelli che ce provano poi non credono manco a l’onesti.