IL PROBLEMA DEI DAZI DI TRUMP RISPETTO ALL’EUROPA

DI FABIO BENETTI

Ascolto or ora alla TV che Trump, riguardo l’Europa e tralasciando la cronaca di questi giorni che parla praticamente in modo esclusivo dei suoi dazi contro la Cina, vorrebbe che i dazi europei del 10% sulle merci americane fossero tolti, così lui annullerebbe i suoi del 2,5% sulle merci europee.

Mi metto a pensare, ad esempio, alle automobili. Come sarebbe la nostra vita se noi comperassimo molte macchine americane perché non più costose a causa dell’eliminazione dei dazi europei? Credo che non sarebbe più la stessa di adesso. Perché secondo la mia esperienza gli USA vendono quasi al 100% automobili grandi, imponenti, difficili da parcheggiare, e pesanti anche, per cui più costose anche riguardo al discorso carburante, che da noi, suppongo, costa più che in America.

Le auto statunitensi inquinerebbero inoltre di più, consumando di più. Non è certo una rivelazione clamorosa quella che sottolinea come in Europa, oggi, si faccia molta più attenzione all’ambiente che non negli States di Donald Trump.

Perciò avremmo un’Europa ancora più inquinata di adesso, e con meno spazi per i parcheggi.

E mi viene da pensare che a volte l’intervento dello Stato per limitare il liberismo, vedi dazi del 10% sulle merci USA, serve.

Credo proprio sia utile davvero.