TAORMINA FILM FESTIVAL: GUZZANTI, CUCINOTTA ED EVERETT I PROTAGONISTI DELLA QUINTA GIORNATA

DI ANDREA GRASSO

19 luglio 2018: nel 5° giorno del Taormina Film Fest, che precede la finale, i protagonisti più attesi sono Sabina Guzzanti, Maria Grazia Cucinotta e Rupert Everett.

La Guzzanti è protagonista di una discussione pomeridiana in cui ripercorre i suoi esordi, sottolineando che la vera fama è arrivata solo quando si è messa a fare le imitazioni; a questo proposito cita come suoi esempi (piuttosto che maestri) Noschese, Benigni, Verdone e Troisi, mentre come modello di attrice senza esitazione nomina Franca Valeri.
I personaggi preferiti che ha imitato sono tanti, quindi si limita a citare quelli più recenti tra cui le politiche Boschi, Raggi, Santanchè e Meloni; svela inoltre che quasi sempre la reazione dei personaggi imitati non è positiva, per cui lei evita di incontrarli o salutarli.
Svela anche, a uso e consumo di chi voglia seguire la sua carriera, la sua tecnica di studio del personaggio: prima studia solo il movimento delle mani, poi solamente la voce, e così via per ogni singolo aspetto, fino ad immedesimarsi totalmente nel personaggio e arrivare a pensare come la persona imitata; l’unica evoluzione nel tempo è che anni fa lo studio avveniva tramite le VHS Beta, mentre adesso guarda i filmati su internet.
Nella lunga discussione con Sabina, divertente ma con risvolti seri e trattando anche temi sociali, emergono tanti aspetti della sua carriera: dalla Tv delle ragazze, di cui annuncia un prossimo revival televisivo in quattro puntate per il trentennale, al TG Porco, che considera un hobby durato due anni visto che tramite i fondi raccolti con crowdfunding ha potuto pagare lo staff ma lei stessa ha lavorato gratis, ai suoi film sempre autoprodotti; la conclusione, ribadita più volte, è di voler andare via dall’Italia in quanto stufa delle ipocrisie nostrane e in particolare di come viene trattato il cinema, nonché di come vengono gestite le reti televisive, essendo stata cacciata sia dalla Rai che da La7, con motivazioni poco convincenti.

La Cucinotta recupera invece la presenza saltata il giorno prima e presenta il cortometraggio Il Compleanno di Alice, da lei diretto e scritto dalla sorella; una storia breve ma commovente sul tema del bullismo nelle scuole; Maria Grazia sottolinea che come genitori, per quanto si possa essere impegnati col lavoro o altre faccende, bisogna sempre trovare il tempo di parlare coi loro figli e star loro accanto, per capire se può esserci qualcosa che non va.

Rupert Everett, infine, presenta il suo film The Happy Prince, di cui è regista (all’esordio) e protagonista: è la storia di Oscar Wilde che dopo essere uscito di prigione (viene arrestato per aver dichiarato la sua omosessualità) farà una serie di viaggi e stabilirà una relazione con Lord Douglas: normalmente un periodo meno conosciuto nella biografia dello scrittore inglese, viene affrontato con grande emotività ma anche in modo cupo e a tratti angosciante.