DOUGLAS HOFSTADTER: “LA NOSTRA ANIMA RISIEDE NON SOLO NEI NOSTRI CERVELLI, MA ANCHE NEI CERVELLI DI ALTRE PERSONE”

DI FABRIZIO FALCONI

 

Niente di più scivoloso che palare di ‘anima’.
Eppure, spesso abbiamo l’impressione che ‘anima’ non riguardi semplicemente noi stessi, non riguardi direttamente solo e semplicemente l’individualità, la singolarità umana. L’uomo è animale sociale, l’uomo è perfettamente, completamente calato nell’anima mundi. 


Nel 1979, un giovane esperto di intelligenza artificiale sorprese il mondo con un libro di enorme mole, labirintico, geniale e di immenso successo. Il libro era “Gödel, Escher e Bach” e il suo autore Douglas Hofstadter. 
Attraverso logica matematica, musica, paradossi grafici e linguistici, Hofstadter cercava di dare sostanza a un’intuizione che sembrava scandalosa: la mente umana potrebbe non essere altro che un computer, i neuroni dei semplici chip, l’intelligenza mera capacità di eseguire i programmi scritti nel cervello. 
A quasi trent’anni di distanza, molte cose sono cambiate: i computer non occupano più gli scantinati delle università ma sono in tutte le case e in tutte le tasche, e gli studi sul cervello hanno raggiunto un grado di raffinatezza quasi inimmaginabile. Eppure, resta intatto l’ultimo mistero: dove si trova e come è fatta l’anima? 
Cos’è che chiamiamo “io” quando parliamo con noi stessi? Cosa resta di noi (se resta qualcosa) dopo la nostra morte fisica? 
Nell’ultimo libro di Hofstadter, pubblicato anche in Italia, Anelli nell’Io,  Hofstadter affronta anche direttamente il tema della dolorosa perdita della moglie, che ha suscitato nuove e profonde riflessioni.  Inoltre, ritroviamo tutta la sua abilità di divulgatore, capace di spaziare dalla letteratura all’informatica, dai giochi di parole ai dibattiti più attuali della filosofia, dagli esempi più curiosi agli esperimenti mentali più originali e vividi.