“A MANO DISARMATA”, LA VITA DI FEDERICA ANGELI AL CINEMA CON CLAUDIA GERINI

DI CLAUDIA SABA

“A mano disarmata”, è il
libro scritto da Federica Angeli, la giornalista di Repubblica che vive sotto scorta dal 2013.
La sua storia inizia una sera quando, rientrando a casa, assiste ad un omicidio.
Dopo la denuncia, arrivano le minacce della mafia e la sua vita, insieme a quella dei suoi figli, cambia radicalmente.
Le indagini vanno avanti, arriva il processo e con il
processo anche il momento per lei, di testimoniare in aula ciò che ha visto quella sera.
Inizia a scrivere raccogliendo in un libro la sua storia, le limitazioni a cui è sottoposta ogni giorno, per aver scelto di stare dalla parte della verità.
Federica racconta i fatti, i crimini che da anni tengono sotto scacco il litorale ostiense, dove lei vive con la sua famiglia.
Il libro parla di coraggio, lo stesso che l’ha spinta a denunciare e a credere fermamente nella giustizia.
Il regista Claudio Bonivento ha deciso di acquistare i diritti di quel libro e racconterà la sua vita in un film.
L’interprete designata è Claudia Gerini. Sarà lei che vestirà i panni di Federica Angeli.
“Stiamo lavorando da mesi insieme, è venuta a casa mia, nei posti che frequento; vuole entrare nella parte, nella mia vita”.
Ha commentato Federica dalla sua pagina Facebook.
“E’ una donna davvero straordinaria oltre che una bellissima e bravissima attrice”, aggiunge.
Claudia Gerini ha concluso da poco la tournée estiva dello spettacolo “Qualche estate fa”, in cui rievoca la vita del cantautore Franco Califano.
È tornata ancora sul set con la serie di Netflix Suburra in cui interpreta il ruolo della manager finanziaria vaticana, Sara Monaschi.
A breve intraprenderà anche questa nuova avventura che porterà nelle sale cinematografiche, il coraggio di Federica Angeli.
È necessario che il coraggio arrivi nella piazza tra giovani che, sempre più spesso, non trovano punti di riferimento.
È necessario raccontare che la mafia e l’illegalita’ si combattono uscendo dal silenzio.
Che si può vincere con le parole, le immagini e l’esempio di chi non ha paura.
Perché, come diceva Paolo Borsellino: “Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”.
E Lei, Federica, ha scelto di non aver paura.