SALUTO A CESARE DE MICHELIS NEL CANAL GRANDE

DI ITALO MOSCATI

 

AVEVO INCONTRATO POCO TEMPO FA CESARE, UN AMICO, UN GRANDE EDITORE E GRANDE PROFESSORE. ERA SEDUTO NEL VAPORETTO CHE ATTRAVERSAVA IL PRINCIPALE CANALE DI VENEZIA, QUELLO GRANDE. CESARE ERA SEDUTO CON UN BASTONE, SMAGRITO, ELEGANTE, CON LA MOGLIE ANCH’ESSA AMICA…PARLAMMO, TRASUDAVANO OTTIMISMO, PERO’…
…Gli amici, io compreso, sapevano da tempo che non stava bene, ma Cesare era forte, tosto, tenace, aggredito da ogni parte dai mali. Sospirai, con la speranza che ci saremmo incontrati per parlare di vita e di lavoro. Incontri che avvenivano a Roma e Venezia. Abbiamo fatte varie cose insieme, libri ovviamente e progetti anche di tv e cinema. In sintesi, i libri: ” ’67 Tuoni prima del Maggio” , sulla contestazione a Parigi e nel mondo; ” ’69 Un anno bomba”, l’attentato mortale a Milano alla Banca dell’Agricoltura; “”1970, Addio Jimi” sul rock e la musica degli anni 60-80; “2001 Un’altra Odissea”; “Prato dell’arte”, sull’arte contemporanea; “Il cattivo Eduardo” su De Filippo; “Luca Ronconi-Utopia senza paradiso”, “Sophia Loren, Tutto comincio’ quando la madre di una ragazza di Pozzuoli sognò di diventare Greta Garbo”; e poi la partecipazione a tre libri dedicati a Pier Paolo Pasolini. Una collaborazione intensa e fruttuoso. Con Cesare avevamo rapporti facili e divertenti, trovavamo sempre il tempo per una bella conversazione. Aveva per fortuna un carattere difficile e tuttavia infervorato, fatto di incazzature col mondo e con la politica, polemico anche per partito preso. Avevamo simpatia reciproca, improntata a sincerità e confidenza. Aveva un’attività intensa e con l’aiuto della moglie e del figlio ha creato una azienza editoriale che ha conquistato fette di mercato, scoprendo nuovi autori e terre creative (i paesi del Nord Europa) e prestando attenzione a novità, sorprese, vivacità. Lo abbraccio con grande affetto insieme alla sua famiglia. Cesare, un piccolo brindisi con l’aperitivo come facevamo quando stavi bene o…meglio. Ti ricorderò sempre e ti ringrazio amico vero.