LE OPIGNONI DELLA GGENTE COMUNE

DI PAOLO VARESE

9
ARIFATE LE STRADE
E gnente, so sempre io, quello che, quantunque ne pensiate, dice sempre la sua opignone, formata leggendo li giornali, mica micio micio bau bau nsomma, anche perché non stamo mica a smacchia li koala, come disse er cantante li, Bersani. Ora, a parte la notiziona de li tifosi de a Lazio che hanno intimato alle loro donne de sedesse indietro allo stadio, che da na parte li capisco pure, perché ste donne non sentono er fervore, e tu stai li che manni l’arbitro a fa…ehm , a quer paese, e loro te tireno er braccio, e amò c’ho sete e amò c’ho callo e amò che famo se ne annamo. Comunque dicevo, a parte sta notiziona, bisogna guardà pure le cose minori, tipo le strade disterrate, piene de buchi, oltre a tutte le artre disnfuzioni che creano pericolo pe li cittadini. Ora, a quanto pare li governanti hanno capito che bisogna mette mano a le strutture, daje na consolidata, che poi me obblighi a fallo a casa mia quanno me denuncieno se tiro giù un muro pe allargà a cameretta de li pupi, però te stato itagliano non lo fai. Ma li lavori se fanno cor buon senso, pensando anche a li cittadini che guidano, che se pijo a machina mica me sto a fa na passeggiata. M’è capitato ad esempio che stavo annà ar mare a Focene, ma siccome che vengo da a Colombo, ho fatto er giro da Ostia, poi ho pensato che pijavo er raccordo pe Fiumicino, e zacchete. Invece che te vedo? Er Ponte de a Scafa bloccato. Che già in Itaglia dovessero levasse er cappello, che amo dato a un ponte un nome femminile, Scafa invece de scafo, che credo dipenda che a Fiumicino ce so le navi e allora pe omaggialle amo fatto li galanti. Comunque, er ponte era bloccato da li viggili. Ma come, na fila de chilometri pe annammene ar mare? Me metto in fila, e meno male che co l’aria condizionale c’avevo li finestrini chiusi che sennò me sentivano bes..ehm, imprecare anche a Coccia de Morto. Piano piano arivo a portata de viggile, anzi, de viggilessa, che te o dico a fa, tutta ingalluzzita, co a paletta, che fischiava de passà. Io me accosto sur margine perché non volevo creà disaggio, ma questa me dice che non ce potevo sta perché strignevo er passaggio. Allora dico che tipo pe fatte capì volevo n’informazione, e me dice de chiedela avanti. Sta burina, rimonto comunque in machina e me fermo dove n’cera nessuno, e me faccio boni boni 10 metri a piedi pe annà a parlà co ‘artro viggile, n’omo sta vorta. Je dico che sti lavori non se ponno fa de ggiorno, e lui me dice che de notte nce se vede. A me dici na cosa der genere? Ahò mica so sceso dar Burundi, ce so le luci elettriche, ma lui me risponne che sono lavori strutturali che devono da esse eseguiti in un certo modo. Je dico, ma allora fateli tipo dalle 10 alle 12 e poi dalle 15 alle 17, pe fatte capì, che la ggente sono annati già ar lavoro. Lui me dice che non è proponibile e comunque loro fanno viabilità de scrive ar sinnaco. Ahh, annamo bene allora, che io cor sinnaco come ce parlo? Allora dico, siccome che scrivo sur blogghe, parlo co tutti. Cari governanti, dovete fa le cose pensando alla ggente, alle esiggenze, li ponti le strade le buche e tutte le artre cose, vanno riparate senza rompe li co…ehm , senza arrecare fastidio a chi lavora, a chi guida. Li lavori vanno fatti de notte e in silenzio, dar lunedì ar ggiovedì, che ner uik end poi non è che se famo li ggiri de peppe intorno a la rotonda pe annasse a divertì. Cioè, che te vojo dì, devi sistemà er ponte de la Scafa? Fallo, ma fai lavorà l’operai de notte co le luci elettriche, che ce se vede comunque, che poi che devi vede? È cemento, non ce sta gnente da vede. Ma a me me sembra che voi governanti non sappiate le difficortà a cui annamo incontro noi cittadini, che er viggile m’ha pure detto che finchè ce so li lavori devo uscì prima da casa. E beati li ca..ehm, sciocchino, sto in vacanza, m’arzo prima pe te? E quanno vado ar lavoro me devo arzà prima rinunciando ar sonno? È che non volete senticce da st’orecchio, ma noi siamo ggente che ha diritti, e prima o poi se li ripjiamo. Per il momento non vado più a Focene tiè, me fermo a Ostia, tanto sempre mare è, e magari ce trovo pure meno lazziali.