VERSO L’ITALEXIT ALL’INSAPUTA DEGLI ITALIANI

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI

Ci parliamo tra di noi e poi, a tratti, ci stupiamo che la politica produca una classe dirigente inadeguata e incompetente.
Ma di quale paese stiamo parlando?
Tre giorni fa, su rainews24 è stato diffuso un sondaggio effettuato il 21 agosto.
Il risultato è emblematico.
I dati oggettivi e statistici segnalano che nei primi 8 mesi di quest’anno sono arrivati in Italia circa 18.000 migranti, l’82% in meno rispetto al 2017.
Il sondaggio rileva (e rivela) che il 51% della popolazione italiana è convinta che:
A). “Nel 2018 l’Italia è stata invasa dai migranti”.
B). “Il numero dei migranti nel 2018 è triplicato rispetto al 2017”.
C). “Sono centinaia di migliaia quelli sbarcati da noi nel 2018”.

Che senso ha fare appello all’umanità, alla logica, alla razionalità, al dibattito, se -come i sociologi ben sanno- nel nostro attuale mondo mediatico ciò che conta non è il dato oggettivo -tantomeno la realtà o la verità- bensì la percezione che si ha della realtà?
E la percezione è quella rilevata dal sondaggio.
I primi e assoluti responsabili di questa situazione sono i gestori dei talk show televisivi che hanno ingozzato la popolazione di cifre false, incitando all’odio per produrre “l’idea di un allarme” e quindi falsificando la realtà..
E’ chiaro anche ai più scettici, che la strategia in atto consiste nello spingere la nazione verso l’Italexit dalla Ue.
A insaputa degli italiani.
Come al solito, in Italia ci si sveglia sempre troppo tardi.

Sarebbe il caso di sorprendere se stessi, come nazione, e farlo invece un attimo prima che….