NON USCIREMO DALL’EURO

DI STEFANO SYLOS LABINI

Se l’Europa “ci dà dei segnali” in termini di flessibilità per la manovra “potremmo ravvederci”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio intervistato da Skytg24. Un primo segnale, quello di Di Maio, per fissare la posta in Europa dopo il braccio di ferro sulla vicenda della nave Diciotti. Il riferimento è alle misure care ai 5 Stelle e cioè superamento della riforma Fornero, reddito di cittadinanza e più risorse per la lotta alla povertà. Dunque questo sarebbe il piano del governo: ottenere la possibilità di aumentare la spesa in deficit per metterci ancora di più nelle mani dei mercati finanziari in una fase in cui gli interessi stanno risalendo. Altrimenti? Andiamo allo scontro frontale con l’Europa ? Usciamo dall’euro ? Non ci credo neanche se lo vedo.