8 SETTEMBRE. IL NEGAZIONISMO DI CONTE

DI SERGIO DI CORI

Se dovessimo prendere per buone le affermazioni del premier Conte, potremmo serenamente desumere dalle sue parole che 

a) quando la seconda guerra mondiale è finita, l’Italia era ancora alleata alla Germania.
b). i nazisti non hanno mai invaso l’Italia.
c) l’occupazione tedesca dell’Italia non si verificata perchè nell’autunno del 1943 la guerra era già finita e gli italiani stavano già lavorando alla ricostruzione, ma i tedeschi questo non l’hanno mai saputo.
d) la resistenza non è mai esistita perchè la guerra è finita l’8 settembre del 1943
e) il maresciallo Badoglio è stato il grande padre della Patria che ha prodotto il cosiddetto “miracolo economico”.
Ecco un estratto del suo discorso formale di ieri, intervenendo alla Fiera del Levante di Bari:

“Oggi è l’8 settembre. Una data particolarmente simbolica della nostra storia patria, perché in quell’estate di 75 anni fa si pose fine ad un periodo buio della nostra storia, culminato con la partecipazione dell’Italia a una terribile guerra. Con l’8 settembre, inizia un periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro paese. Un periodo che è stato chiamato, con la giusta enfasi, miracolo economico…”

Con un’unica frase è stata cancellata dalla memoria collettiva della nazione l’invasione nazista e la genesi della resistenza.

Se uno studente di liceo pronunciasse questa frase all’esame di maturità lo boccerebbero.
La maggior parte degli italiani, oggi, è portata a reagire sorridendo e irridendo alle parole scriteriate del premier sostenendo al massimo “forse è meglio che seguiti a non parlare e a non comparire”, oppure ci scherzano sopra con battute salaci, oppure pensano che sono i media e i giornali ad alterare il significato delle sue frasi.

La mia posizione, invece è diversa.
Penso che il premier Conte abbia una cultura storica e umanistica sufficiente per sapere con certezza matematica che l’8 settembre è la data che certifica la nascita della guerra civile italiana (talmente tragica e dolorosa che in parte ancora non è conclusa, a mio avviso), cioè esattamente l’opposto di ciò che lui ha detto ieri.
L’8 settembre non è stata messa la parola “fine”, è stata messa la parola “inizio”.

Si tratta di aperto negazionismo.
Personalmente, anche se si tratta di una breve frase priva di senso reale, ritengo che faccia parte di un disegno strategico a lungo termine, finalizzato all’idea di cambiare la Storia, di cambiare a proprio diabolico uso e consumo il passato in modo tale da poter costruire un presente totalmente alterato.
Il negazionismo e la falsificazione bonaria del passato sono i primi mattoni verso l’architettura del totalitarismo.
Io non ci sto.
#noalnegazionismo