BRAMINI? DIMENTICATO

DI SERENA IANNICELLI

Sergio Bramini, l’imprenditore fallito per colpa dei crediti mai pagati dallo Stato italiano, è stato per qualche giorno l’uomo simbolo dell’intesa politica tra Lega e M5s.

A maggio, vincitori incontrastati delle elezioni ma non ancora ministri, i due leader Salvini e Di Maio erano andati a trovare personalmente (con corteo di parlamentari al seguito) l’imprenditore monzese, indicandolo come l’emblema dello Stato da cambiare con il nuovo corso gialloverde. «Questo simbolo – spiegò Di Maio – deve lavorare con noi al governo perché lo Stato possa smettere con questo genere di assurdità» specificò Di Maio, annunciando che Bramini sarebbe diventato un suo consulente al ministero dello Sviluppo economico, perché con i grillini al governo «adesso lo Stato siamo noi». Finita la coreografia da inizio di governo, però, le cose sembrano aver preso una piega diversa per Bramini. Che è sì stato nominato dal ministro Di Maio come uno dei propri consulenti, ma con un ruolo a dir poco evanescente. Lo spiega direttamente Bramini (che nel frattempo, fallito e sfrattato per colpa dello Stato italiano, si deve arrangiare come agente di generi alimentari a pochi spiccioli) in una intervista a Panorama. Quando il settimanale gli chiede dell’impegno al ministero con Di Maio, l’ex imprenditore non ne vuole parlare («lasciamo perdere«) e solo dopo insistenti richieste si sfoga con l’intervistatore. «Le dico solo che a oggi non ho preso un quattrino. Ho lavorato un mese senza nulla, poi mi è stato fatto un contratto che è partito a fine luglio, ma non bastava neppure a coprire le spese. Ci rimettevo. Ora è stato ritoccato ma non mi resta in tasca un euro». A Bramini non è andata giù la grande parata fatta quando serviva un testimonial, seguita poi dal disinteresse: «Ricordo Salvini che mi dice Sergio se ti cacciano da casa chiamami e vengo subito. L’hanno chiamato cinque volte e non s’è visto. Né lui né Di Maio». Il grillino, poi, sembra essersene dimenticato completamente, tanto che Bramini due settimane fa ha minacciato le dimissioni da consulente. Ha provato a proporre una norma nel Decreto dignità ma gli hanno detto che non è possibile, «e lì mi sono incazzato come una bestia». Meno male che i grillini gli avevano raccomandato di non parlare con la stampa, ma lui non è il tipo, «io dico tutto, passo dopo passo».