SUV E PUGNALI MINACCIANO LA CINA

DI GUIDO OLIMPIO

Mio breve contributo: tattiche da Isis, ma hanno iniziato prima

Un uomo a bordo di un Suv è piombato ieri a tutta velocità sulla folla nella piazza Binjiang, a Mishui, cittadina dello Hunan. Siamo nella Cina centrale. Il bilancio è di 11 morti ed una quarantina di feriti. Secondo le autorità l’assalitore – ora in arresto – è uscito dall’abitacolo per poi colpire i presenti con un pugnale. Quanto al movente la Polizia è ricorda ad una formula già usata più volte: “un atto contro la società”. Il killer, con precedenti per reati comuni, avrebbe agito per vendetta in seguito alle molte condanne avute. La notizia è rilevante per il numero di vittime, ma anche per il ripetersi di questi episodi. All’interno dei confini cinesi si sono verificate molte azioni con un modus operandi simile a quello poi adottato dallo Stato Islamico, ma anche dai stragisti americani, con la differenza che qui sono usati i coltelli. Già nel 2008, 2 elementi della minoranza musulmana degli uighuri furono protagonisti di un massacro travolgendo un gruppo di agenti con un camion e poi finendoli con armi da taglio. Teatro dell’eccidio la località di Kashgar. Altri casi sono seguiti. E’ evidente che Pechino ha 2 tipi di minaccia: la prima è puramente terroristica, alimentata dai separatisti; la seconda è rappresentata da elementi che agiscono per motivi personali. Frequenti pure le incursioni nelle scuole come negli Stati Uniti. In alcune situazioni – esattamente come avviene in Occidente – le 2 matrici si incrociano. Da qui la volontà delle autorità di “ridimensionare” il pericolo per non innescare fenomeni emulativi. Ma forse è troppo tardi.

http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,2527.html