STUDENTI IN PIAZZA: “RIBALTEREMO IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO”

DI CHIARA FARIGU

Dimenticati dalla manovra, gli studenti scendono in piazza. Anzi, nelle piazze di 30 città italiane per protestare contro le politiche del ‘governo del cambiamento’ che, secondo loro, in perfetta continuità coi governi precedenti, non ha a cuore le sorti della scuola pubblica italiana, dopo aver dimenticato le promesse fatte in campagna elettorale.
La messa in sicurezza degli edifici scolastici (oltre il 70% non sono a norme), insieme ai tagli certi o presunti di 100 milioni da destinare ad “altre misure” ( https://www.alganews.it/2018/10/07/la-scuola-e-un-bancomat-il-governo-taglia-100-milioni/), 

la mancata abrogazione della #buonascuola (rivisitata solo in pochi punti e a costi zero) e il diritto allo studio sono le rivendicazioni portate oggi in piazza al grido di “Chi ha paura del cambiamento? Noi no!”.
A Roma, il corteo degli studenti fa registrare forti disagi al traffico, penalizzato anche dallo sciopero dei mezzi di trasporto pubblici nella capitale.
#AGITIAMOCI, è questa l’hashtag lanciata in rete per promuovere la manifestazione da Nord a Sud, isole comprese, “Serve una scossa”, dicono i rappresentanti degli studenti “la scuola pubblica fa acqua da tutte le parti, Salvini, Di Maio, state attenti, ribalteremo il vostro governo del cambiamento”.

L'immagine può contenere: una o più persone e folla

1357LETTORI