PAPA FRANCESCO: ” PAOLO VI E ROMERO SONO SANTI”

DI ANNA LISA MINUTILLO

Un giorno atteso da molti fedeli questo, infatti Papa Francesco pronunciando la formula di canonizzazione ha iscritto nell’Albo dei Santi: Paolo VI, Oscar Romero, Francesco Spinelli, Vincenzo Romano, Maria Caterina Kasper, Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesu’ e Nunzio Sulprizio . «Hanno dato la vita per amore alla Chiesa , concludendo la propria esistenza come martiri”
Alle 10.15 in Vaticano ha avuto inizio la cerimonia. Sul sagrato, nel corso della cerimonia di oggi, ci sono non solo le delegazioni in arrivo da molti Paesi ma anche i miracolati.
Durante l’omelia della messa di canonizzazione, Il Papa ha sostenuto che i Santi vivono “senza tiepidezza, senza calcoli e senza mezze misure”.
Inevitabile la “centralità” di Paolo VI per lo straordinario impegno e testimonianza del valore ultimo e unico della vita umana. Paolo VI  è stato il  Papa che per primo uscì dal Vaticano, dall’Italia per annunciare il Vangelo di Cristo nel mondo anche fisicamente, che condusse riforme interne alla Chiesa. Scrisse Encicliche fondamentali per tutta la storia della Chiesa moderna, come la Humanae Vitae “contro l’aborto” e a difesa di ogni vita in qualunque stato e qualunque condizione.

Diventato Santo oggi   a Roma  anche il vescovo di El Salvador monsignor Oscar Arnulfo Romero vissuto nel controverso periodo della Teologia della Liberazione in Sud America e assassinato proprio per aver protetto la sua Chiesa salvadoregna.

Romero, ha lasciato le sicurezze del mondo, persino la propria incolumità, per dare la vita secondo il Vangelo, vicino ai poveri e alla sua gente, col cuore calamitato da Gesù e dai fratelli.

Secondo quanto ha annunciato il cardinale Giovanni Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, sono circa 70mila i fedeli. In piazza è stata portata la maglietta che ha ancora le macchie di sangue rimaste dopo l’attentato subito da Paolo VI a Manila nel 1970.
Tutti questi santi, in diversi contesti, hanno tradotto con la vita la Parola di oggi, fornendo un esempio di sacrificio e abnegazione che rincuora gli animi dei tanti fedeli che hanno assistito alla canonizzazione uniti in momenti di raccoglimento e gioia.