IN EUROPEA SIAMO SEMPRE PIÙ SOLI

DI GIOVANNI PAGLIA

1-La Commissione apre l’istruttoria contro l’Italia, senza che uno qualsiasi dei Governi europei, ci offra una sponda.
Questo dovrebbe far pensare sulla capacità diplomatica di Conte e dintorni, e sull’affidabilità degli alleati sovranisti.
2-Un Governo serio sarebbe arrivato allo scontro cercando almeno la solidarietà dell’intero paese.
Mi sembra evidente che invece da mesi si lavori solo per dividere.
3-Si sarebbe allora pensato che almeno si presentassero uniti fra loro.
Invece hanno ben pensato di alimentare un furibondo scontro interno proprio in piena battaglia con l’Europa.
In conclusione: la lotta contro l’austerità è sacrosanta e va combattuta fino in fondo.
Proprio per questo, sarebbe bene avere dei generali capaci di sostenerla.
Il prezzo di un’eventuale sconfitta è infatti tutto sulle nostre spalle.
Salvini, Di Maio e Conte certamente non sono quei generali.
Prepariamo l’alternativa.

Per la cronaca, qualora Di Maio non si sia accorto nemmeno di questo, il condono non ha un massimale di 100.000 euro, ma di più di un milione.
Si parla infatti di 100.000 per ogni anno e per ogni imposta.
Gli anni sono 5 e le imposte più di 2: il calcolo mi sembra alla portata di un bambino di prima elementare.
Infine: senza i soldi del condono pieno, quello che Di Maio si è dormito, la legge di bilancio non sta in piedi.
Non lo dico io, ma Buffagni, che di Gigi è consulente economico.
A questo punto sarebbe dignitoso andare non in Procura, ma a rassegnare le dimissioni.