TRENTO: ALABAMA D’ITALIA, “VAI IN FONDO BEN LONTANO DAI BIANCHI”

DI LUCA SOLDI

 

 

Ennesimo episodio di razzismo sintomatico di una situazione che peggiora di giorno in giorno
Un fatto che riporta ai tempi delle discriminazioni degli anni cinquanta nel profondo sud dell’America quando le persone di colore avevano mezzi di trasporto dedicati.
La denuncia parte da una giovane ragazza trentina che arriva a casa e diffonde sui social, con un post, l’episodio di razzismo di cui è stata testimone martedi sera su un autobus diretto da Trento a Roma sul quale una donna italiana di circa 40 anni ha inveito contro un ragazzo senegalese.
La donna ha impedito al giovane di sedersi accanto a se nonostante quello fosse il posto assegnato: “Qui no, vai via, vai in fondo, sei di un altro colore e di un’altra religione”.

Il ragazzo si chiama Mamadou, ha 25 anni, da 15 anni vive a Bolzano dove lavora per un’azienda che costruisce forni ed aveva un regolare biglietto.
Era salito sul mezzo della Flixbus alla fermata di Trento diretto a Roma per andare a trovare un amico.
Mamadou davanti alle invettive della donna è scoppiato in lacrime dicendo: “Non faccio nulla di male. Non sono cattivo. Voglio solo sedermi e riposare perchè sono stanco”.
Gli altri passeggeri non hanno fatto finta di niente ed hanno segnalato la cosa all’autista che visto l’insistenza della donna, non ha potuto fare altro che chiamare la polizia.

Malgrado la presenza delle forze dell’ordine che avrebbero identificato la donna non c’è stato niente da fare.
Alla fine la soluzione è stata trovata proprio grazie alla studentessa ferrarese che viaggiava con un’amica.
È stata lei che ha accettato di cambiare il posto è così il viaggio è potuto proseguire per la destinazione.
L’episodio riporta alla mente una storia che ha fatto il giro del mondo portando alla luce le miserie morali che stiamo attraversando.
La storia di Rosa Parks un’attivista statunitense figura simbolo del movimento per i diritti civili.
La donna divenne famosa per aver rifiutato nel 1955 di cedere il posto su un autobus a un bianco, dando così origine al boicottaggio degli autobus a Montgomery.