SOLIDARIETA’ A GIANLUCA PECIOLA, INSULTATO DAI MILITANTI DI CASAPOUND

DI MARCO FURFARO

La nostra piena e totale solidarietà Gianluca Peciola, oggetto oggi di un vile, vergognoso e infimo sciacallaggio mediatico da parte di un esponente di Casapound, che ha pubblicato la sua foto su Facebook denigrandolo con falsità e inaccettabili insulti di ogni risma. La colpa di Gianluca? Aver chiesto che il presidio fascista contro l’apertura di un centro d’accoglienza da parte di alcuni ragazzi venisse sgomberato.

Un post, tra l’altro, che ha generato decine di irripetibili commenti, fra cui minacce di morte.
““Muori zecca immonda”, “piombo per sanare tanti mali”, “manganello e olio di ricino: cura infallibile”: questi sono solo alcuni dei commenti fatti dai militanti di Casapound. Dopo ore, l’autore del post, premiato alle regionali con lo straordinario risultato dell’1%, non ha sentito il bisogno né di rimuovere e né di prendere le distanze da chi incita alla violenza.

Gianluca, che da una vita si batte in ogni luogo per la libertà di tutti e per i diritti degli ultimi, ci ha sempre messo la faccia. A differenza loro, che agiscono nell’oscurità e in barba alla legge e alla Costituzione.

Un abbraccio grande, Gianluca. Non passeranno.

Risultati immagini per GIANLUCA PECIOLA, INSULTATO DAI MILITANTI DI CASAPOUND