ULTIMO APPUNTAMENTO CON ULISSE. ALBERTO ANGELA È GIÀ AL LAVORO PER MOSTRARCI “LE MERAVIGLIE”

DI CHIARA BERNARDINI

Anche quest’anno l’appuntamento del sabato sera all’insegna della cultura varca il traguardo della fine. Per il quarto incontro di questa stagione Alberto Angela ci accompagna a Vienna facendoci scoprire una delle Corti più importanti, maestose ed affascinanti, quella della principessa Sissi, imperatrice d’Austria.

Il fatto che Alberto Angela attraverso le sue parole riesca a far preferire a quattro milioni di italiani una buona dose di cultura, rispetto alla movida del sabato sera ormai non è una sorpresa. Anche per quest’ultima occasione l’hashtag Ulisse ha invaso tutti i social.
Da settembre a oggi, in questi quattro nuovi appuntamenti, ci ha accompagnato alla scoperta della meravigliosa Cappella Sistina, fatto conoscere Cleopatra e portato a riflettere mostrandoci il rastrellamento ebraico in uno quartieri di Roma del 1943. Ha concluso l’emozionante viaggio ieri sera trasportandoci nella vita di quella che è stata la principessa meno convenzionale della storia dell’Ottocento.
Elisabetta, meglio conosciuta come Sissi, rimane ancora oggi il simbolo dell’indipendenza del gentil sesso. Cresciuta relativamente libera dai rigidi vincoli nobiliari del diciannovesimo secolo e fin dalla tenera età abituata a prendersi cura dei poveri e dei malati. Sposa l’imperatore Francesco Giuseppe sebbene questo fosse promesso sposo della sorella Elena, ed è proprio lui a donarle il soprannome di “Sisi” (ebbene sì, privo di doppia consonante, questa piccola curiosità ha sconvolto l’infanzia di un po’ tutti i telespettatori). Si ritrova così a governare un Paese fino ad allora a lei sconosciuto sotto l’aspetto gestionale e privata delle sue abitudini. Angela ci fa percorrere tutta la sua vita, fino all’assassinio a Ginevra nel 1898 per conto di un anarchico italiano.

Il termine della puntata porta con sé la malinconia che tutti i finali inevitabilmente lasciano. Le percentuali di ascolti sono state altissime e questo è un dato di fatto, ma i numeri pur quanto importanti rimangono astratti. Ciò che rende unica l’idea di “Ulisse – Il piacere della scoperta” è il fatto che “Il grande Maestro” sia riuscito a creare un momento non solo di enorme stimolo culturale, ma di forte unione e commenta dicendo che il valore più importante resterà sempre quello di creare un programma in grado di parlare a tutti.

In ogni caso l’assenza della voce di Alberto Angela nelle stanze degli italiani avrà durata breve, infatti ci troviamo davanti alla dimostrazione del fatto che “chiusa una porta si apre un portone” che si spalancherà il 12 gennaio 2019, all’interno del quale ad aspettarci ci saranno tutte le incantevoli bellezze italiane in un programma che porta il titolo di “Meraviglie – La penisola dei tesori”.