MALTEMPO KILLER, NEL PALERMITANO STERMINATE DUE FAMIGLIE. 10 LE VITTIME

DI ANNA LISA MINUTILLO

Due famiglie che si erano riunite per trascorrere ll sabato sera in compagnia, in località Casteldaccia, sono state sorprese dal violento temporale che già nell’agrigentino aveva provocato danni e disagi.
Il fiume Milicia poco distante dalla zona, dopo il nubifragio è andato in piena. L’acqua ha travolto tutto, compresa la villetta dove si trovavano le due famiglie.
La scoperta è stata fatta intorno a mezzanotte quando non c’era purtroppo nulla da fare.
I soccorritori hanno trovato la villetta completamente sommersa, ed è al suo interno che è avvenuta la macabra constatazione dell’accaduto.
Le vittime sono dieci, tra cui due bambini ed un ragazzo di 15 anni. Drammatiche anche le testimonianze di alcuni degli abitanti che risiedono vicino alla villetta travolta dall’acqua.
Queste le parole del sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto rilasciate dopo aver raggiunto il luogo della tragedia : “Una tragedia immane Non riusciamo ancora a comprendere come sia potuto accadere. Il fiume non ha mai causato pericoli, non è mai esondato e qui a Casteldaccia non ha piovuto molto. Il fiume nasce nella zona di Ciminna-Caccamo e forse è stato ingrossato dalle piogge cadute lungo il suo percorso”.
A Vicari un benzinaio è stato travolto dalle acque mentre si trovava in auto con amico che è stato ritrovato dopo qualche ora. A Corleone è disperso un medico quarantenne, del quale si sono perse le tracce dopo che è riuscito ad abbandonare la sua auto che stava percorrendo una strada resa intransitabile per gli allagamenti. Il medico si stava recando a prendere servizio. Tragedia sfiorata a Monreale, dove una frana ha investito una palazzina abitata da otto famiglie che sono riuscite ad abbandonare in tempo l’edificio. Ad Agrigento, le forti piogge che si sono create hanno fatto si che esondasse il fiume Akragas, facendo riversare la piena nel quartiere del Villaggio Peruzzo, dove una cinquantina di famiglie sono state evacuate.
Un allarme meteo che pare non cessare mai e che sta portando con sé distruzione e morte.
Dalle prime ore di oggi, si prevedono precipitazioni, a carattere temporalesco, sulla Calabria, specie nei settori ionici centro-meridionali, in estensione a Basilicata e Puglia, Dalla tarda mattinata, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere temporalesco su Lazio, specie settori meridionali, Campania e Piemonte.
Per oggi allerta arancione su parte di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna.
Allerta gialla su alcuni bacini in Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, oltre che su tutto il territorio di Lazio, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia, gran parte del Molise e sui restanti settori della Calabria e della Sardegna. In ginocchio anche il nordest, in particolare nel bellunese in Veneto, ma anche in Trentino e in molte zone del Friuli. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, oggi sarà a Belluno e Venezia.

852LETTORI