IL REDDITO DI CITTADINANZA? SARA’ LA PIETRA TOMBALE SUL M5S

DI MASSIMO RIBAUDO

Il regolamento per il reddito di cittadinanza – che è ormai solo una tessera annonaria per il pane e la pasta – se mai ci sarà, rischia di essere la PIETRA TOMBALE sul M5s.

Per i poveri assoluti – i veri “zero reddito” e “zero casa” – non risolve nessun problema, perchè con la cifra prevista non potranno avere una casa, perchè nessuno gli darà un appartamento in affitto. Era molto meglio prevedere politiche e investimenti per l’edilizia popolare.

I casi di povertà più diffusi, però, non sono quelli assoluti, ma quelli dove il livello di reddito personale e familiare non permette nessuna possibilità di evoluzione dello status sociale, civile ed economico e, anzi, fa temere continuamente di sprofondare nella povertà assoluta (basta una malattia, un divorzio, un licenziamento, una tragedia ambientale…).

In tutti questi casi, che sono milioni e costituiscono il PROBLEMA REALE della società italiana, la proposta del M5s è TOTALMENTE INCAPACE di risolvere qualunque emergenza.

Poichè Luigi Di Maio, come Salvini, non pensa al bene della popolazione ma vuole solo mungere voti, non propone un modello flessibile di incentivazione al reddito, alla spesa e al lavoro, ma, esattamente come Renzi e Gentiloni, individua, per la richiesta di sussidio, parametri irreali e illusori per i quali pochissimi potranno rientrare come beneficiari.

Il vero italiano povero ha una casa di proprietà (o ce l’hanno i suoi genitori con i quali convive).

Il vero italiano povero ha una capacità reale di spesa (questa dovrebbe essere controllata, imbecilli del M5s!) non superiore alle 400-600 euro al mese con la quale sopravvive come un topo dopo un disastro nucleare.

Il vero italiano povero vive in un nucleo familiare che ha, al massimo, 15.000-20.000 euro l’anno di reddito complessivo con il quale devono sopravvivere tre-quattro persone.

Ma con questo reddito complessivo, visti i proclami del “premier fantasma” Professor Giuseppe Conte, NON AVRA’ UN CAZZO. E il Presidente del Consiglio sarà anche capace di dire, poiché ci sono poche richieste, vuol dire che la povertà è scomparsa…

Il vero italiano povero quando vedrà che verranno aiutati dal reddito di cittadinanza del M5s solo i pagati “a nero” dalle varie mafie italiane, VI ODIERA’.

E neanche Ping potrà salvarvi.