BUON COMPLEANNO ENNIO MORRICONE. 90 ANNI DI MUSICA E GRANDE SUCCESSO

DI CHIARA BERNARDINI

Buon compleanno Maestro. Dicono che quando ami il tuo lavoro, questo non solo non diventa una fatica, ma ti allunga anche la vita. Ennio Morricone ne è la dimostrazione e oggi festeggia i suoi novant’anni.
Grandissimo compositore, musicista, direttore d’orchestra e arrangiatore. Descriverlo in poche righe è cosa riduttiva e ricordare ogni suo successo quasi impossibile.

“Devo cercare di realizzare una colonna sonora che piaccia sia al regista, sia al pubblico, ma soprattutto deve piacere anche a me, perché altrimenti non sono contento. Io devo essere contento prima del regista. Non posso tradire la mia musica” Questa è la sua filosofia di vita e più giusta non poteva essere. Un po’ come quando uno scrittore si sfoga con carta e penna. Una catarsi che per primo rende soddisfatto lui e con un po’ di fortuna poi anche gli altri. Così nascono i capolavori.
Premettiamo che questo non vuole essere un elenco di titoli dei suoi capolavori, sarebbe inutile e ripetitivo. Diverrebbe anche noioso dopo un po’ leggere una lista così infinitamente fitta. Ci limitiamo, quindi, a dare un’idea dell’essenza di questo grande uomo che ha fatto la storia della musica italiana.
Nasce a Roma nel 1928, studia musica al Conservatorio della Capitale e da quel momento in poi capisce come far breccia nei cuori delle persone.
La sua carriera è stracolma di premi e riconoscimenti di fama mondiale. È uno dei più versatili, prolifici e influenti musicisti. La sua musica è stata usata per più di cinquecento film e serie tv.
La colonna sonora di un film non solo è parte integrante dello stesso, ma gli dà vita diventando la sua anima.
Una pellicola in cui la musica non emoziona o non risalta non è un buon film e questo è un dato di fatto.
Ha composto nell’arco della sua carriera più di cento brani classici, costruendo un successo che sarebbe poi diventato di rilevo fino a Hollywood. Tanto che nel 2016 ha percorso la Walk of Fame e gli è stata assegnata la sua Stella personale. Mica roba da tutti i giorni.
Sul mobiletto di casa colleziona svariati Grammy Awards, quattro Golden Globe, sei BAFTA, dieci David di Donatello, undici Nastri d’Argento, due European Film Awards, un Leone d’Oro alla Carriera, un Polar Music Prize, un Oscar alla carriera e con il film di Quentin Tarantino “The Hateful Eight” alla migliore colonna sonora .
Tra le altre cose possiamo dire essere anche un cavaliere. E non solo perché si presuppone sia un uomo di altri tempi, ma perché il 27 dicembre 2017 ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’ordine al merito della Repubblica Italiana.
La sua musica è famosa in tutto il mondo, entra nei cuori e nelle case di tutti noi. Composizioni transgenerazionali che hanno trasformato canzoni e film in veri e propri capolavori. Se pensiamo che alle prime armi ha composto e arrangiato “Se telefonando” di Mina ben capiamo come non potesse non fare la strada che ha fatto.
Citare tutte le sue opere è cosa veramente impossibile, selezionarne solo alcune sarebbe ingiusto nei confronti di tutte le altre. Ha spesso lavorato con Quentin Tarantino e i fratelli Taviani, ma non solo. Ha una lista di nomi che hanno utilizzato la sua musica per i propri progetti incredibilmente lunga. Come Mina, Gino Paoli, Edoardo Vianello e molti altri.
Non mancano tra l’altro qualche piccole “curiosità” che lo contraddistinguono e fanno capire quanto sia speciale. Come il fatto di detenere la seconda categoria nazionale negli scacchi o che Sergio Pizzorno, il chitarrista dei Kasabian, abbia chiamato suo figlio come lui proprio in suo onore.
Non finisce qui. Anche gli U2 sanno quanto vale tanto da dedicargli una canzone: “No Line on the Horizon”, dal cui titolo possiamo capire quanto sia stimato.
La sua musica inoltre è molto spesso usata da grandi band in apertura del concerto.
Nel 1956 sposa Maria Travia con cui ha quattro figli, Marco, Alessandra, Andrea e Giovanni.
Novant’anni vissuti al massimo. Di quelle vite che, almeno professionalmente, si può azzardare non siano lastricate di rimpianti.