NON RIUSCIRETE A SALVARMI

DI SILVESTRO  MONTANARO

Da un po’ ricevo tante richieste di amicizia sulle mie pagine Facebook da gente preoccupata per la mia stoltezza e per i possibili danni che essa potrebbe arrecare ad altri.

Un vero e proprio circo Barnum che vorrebbe convincermi a verità a loro rivelate rispetto alle quali la mia ottusità mentale oppone resistenza. Il campionario è vario. Si va dallo sbarco sulla luna che sarebbe una fake news, alla terra che non sarebbe tonda ma piatta, al fatto che più scuro è il colore della pelle più certa è la predisposizione a delinquere e stuprare; che i poveri meritano di essere tali e vanno puniti per la loro fastidiosità; ai piani di odiosi ebrei, talvolta persino famelici protagonisti, sempre ebrei, della finanza, pronti a distruggere l’identità etnica di italiani e europei attraverso l’organizzazione di ondate migratorie di primitivi africani; all’evidenza che questi maledetti profughi e immigrati sono il male assoluto, diavoli nerboruti e palestrati, ricchissimi, pronti a rubarci di tutto, dai soldi, al lavoro e alle nostre donne; che l’uso corretto dei congiuntivi è parte di un complotto contro il popolo.

Se ai loro tentativi di redenzione provo ad oppormi mi danno del cieco, del venduto, dell’infame. Loro, custodi della vera democrazia, mi annunciano ogni inferno e ogni possibile rogo. ” Vedrai quando i tuoi poveri o i tuoi amici negri stupreranno tua moglie e le tue figlie”.

A tutti costoro consiglio di non perdere il loro sacro tempo con me. Non sono salvabile. Sono irrimediabilmente perso alla vostra ” nuova civiltà”.

Per me le donne e gli uomini continuano ad essere solo donne e uomini, quale che sia il colore della loro pelle e il nome con cui chiamano Dio. Mie sorelle e miei fratelli in cerca di un po’ di cielo. A commettere crimini, specialmente quello odioso dello stupro, non sono neri, gialli o quello che vi pare, ma solo uomini, il peggio degli uomini. I poveri sono figli dell’ingiustizia che è il vero nemico di tutta l’umanità e anche il vostro. Le ondate migratorie sono generate dalle guerre e dal saccheggio inumano di un intero continente. E l’uso corretto dei congiuntivi si chiama lingua italiana.

Mi spiace per voi e i vostri sforzi. Dedicateli ad altri.

La mia visione del mondo è rimasta a 360 gradi. I vostri dieci gradi in più me li sono persi. E, a dire il vero, abbiate pazienza, non me ne dispiaccio.

Cordialmente