RIFIUTI TOSSICI: AD UN SALVINI QUALSIASI RISPONDE IL PRESIDENTE DELLA CAMERA

DI LUCA SOLDI

 

Ad un Salvini qualsiasi che crede di sapere la storia della Terra dei Fuochi, risponde il presidente della Camera, Roberto Fico: “É uno schiaffo forte a questa città e a questa Regione arrivare qui e dire che ci vuole un termovalorizzatore a provincia dopo le lotte che sono state fatte e dopo l’avanzamento delle nuove tecnologie”ha detto ricordando le parole di Salvini. “Ve lo assicuro, non si farà neanche un inceneritore in più ma molti più impianti di compostaggio per la frazione umida dei rifiuti solidi urbani, più differenziata e più impianti di trattamento meccanico manuale dove si ricicla il tutto”. “In questa regione – ha proseguito il Presidente della Camera – abbiamo bisogno di impianti di compostaggio, di trattamento meccanico manuale, di raccolta differenziata porta a porta, di riciclo, di riutilizzo e di riduzione a monte dei rifiuti. Di questo abbiamo bisogno, fuori dalla logica dei termovalorizzatori. E se dopo tanti anni lo dobbiamo ridire, lo diciamo ancora più forte, e siamo pronti a lottare per questo”. Fico ha anche difeso il sindaco Luigi De Magistris: “Un ministro dell’Interno non arriva qui a dice al sindaco di Napoli che i rifiuti se li mangia, perché è il primo cittadino della capitale del sud. E non definisce ‘quattro scemi’ gli attivisti dei centri sociali, che in questa città hanno fatto anche un lavoro sociale importante. Le parole di Salvini sono uno schiaffo per Napoli e per la Campania”.
Il ministro dell’Interno non ha dunque perso l’occasione per far conoscere a tutti la completa ignoranza delle dinamiche o meglio delle tragedie che si sono via via accumulate fino a dare luogo ad uno dei più grandi disastri ambientali che hanno colpito l’intera Europa.
Ha dimostrato di non esser consapevole che la maggior parte dei danni sono stati causati dagli sversamenti di rifiuti tossici provenienti da quelle grandi industrie del nord che ama tanto decantare