SERIE A: RONALDO-MANDZUKIC, E FANNO 12. BATTUTA LA SPAL 2-0

Di VANNI PUZZOLO

 

La Juve centra la sua dodicesima vittoria su tredici gare di campionato, e liquida la Spal con un gol per tempo.
Ronaldo, a segno questa sera, diventa il giocatore juventino di sempre che riesce a segnare 10 reti in 16 gare nel primo anno di Juve.

La Spal era partita anche meglio, con un atteggiamento sfrontatamente offensivo, aggredendo alto, ma dopo un primo gol annullato ( in realtà si trattava di un autogol di Cionek) dall’arbitro La Penna che vedeva un piede di Manzukic ancora dentro l’area sul rinvio sbagliato di Gomis che avrebbe portato all’auto-gol , la Juventus trova il vantaggio con il campione portoghese che su punizione battuta da Pjanic mette in rete di piatto ( 28’) e raddoppia ad inizio ripresa (60’) con Manzukic che ribatte in rete una corta respinta del portiere estense su tiro di Douglas Costa.

Dopo di che la partita non ha più storia, con i bianconeri che comodamente controllano e arrivano al novantesimo con un palleggio corretto ed efficace.

Allegri attua un discreto turn-over, lasciando a riposo Szczesny, Chiellini , Matuidi e Dybala, schierando al centro della difesa Bonucci e lo scontento Rugani, per il resto, infortunati a parte, soliti titolari con Pjanic, Bentancur, con Quadrado e Douglas Costa esterni.

La Spal ha provato a fare una prestazione coraggiosa, ma alla fine Perin, alla seconda stagionale, non è mai stato impegnato, e la Juventus, dopo aver sopportato il buon inizio della squadra di Semplici, una volta trovato il vantaggio non ha avuto grossi problemi a controllare.

La squadra di Allegri conquista così la dodicesima vittoria in campionato, altro record, e arriva alla partita decisiva di Champions con il Valencia con la tranquillità di poter chiudere definitivamente anche il capitolo qualificazione, che era stato interrotto dalla sconfitta interna con il Manchester United.