ADDIO GIULIANA CALANDRA. RECITÒ IN PROFONDO ROSSO E IN TANTO CINEMA ITALIANO

DI CLAUDIA SABA

È morta all’età di 82 anni, l’attrice Giuliana Calandra.
Sono stati i suoi familiari ad annunciarne la scomparsa.
L’attrice, nata Moncalieri il 10 febbraio 1936, iniziò a muovere i primi passi in teatro sin da giovanissima, con la compagnia teatrale di Anna Proclemer e Giorgio Albertazzi.
Alla fine degli anni ’50 debuttò in tv come attrice di prosa.
Il suo ruolo cinematografico più famoso fu quello della scrittrice Amanda Righetti nel film “Profondo Rosso” di Dario Argento ma nella sua lunga carriera ha lavorato anche con grandi artisti italiani del calibro di: Alberto Sordi, Marco Ferreri, Lina Wertmüller, Dino Risi, Mario Monicelli, Alberto Lattuada e Sergio Corbucci.
Il suo ultimo lavoro risale a dieci anni fa con “L’allenatore nel pallone 2”, diretto da Sergio Martino.
L’attrice è apparsa in più di cinquanta film tra i quali: “Rimini Rimini”, “Il petomane”, “Sesso e volentieri”, “Dio li fa e poi li accoppia”,” Regina”, “Caro Michele”, “Squadra antifurto”,” La nottata” e “Film d’amore e d’anarchia”.
Nel 1973 interpretò lo sceneggiato televisivo Napoleone a Sant’Elena e l’anno successivo entrò nel cast di Anna Karenina.
Nel 1978, prese parte ad una serie televisiva Rai, sulle opere di Eduardo De Filippo.
I funerali avranno luogo domani, martedì 27 novembre, alle ore 12 nella Chiesa degli Artisti, in piazza del Popolo a Roma.