RUDI CESARONI, ALIAS NICCOLÒ CENTIONI, VA DALLA D’URSO. E VUOLE UN’ALTRA CHANCE

DI CHIARA BERNARDINI

“Adesso faccio il lavapiatti a Londra, ma voglio tornare a recitare” ha confessato Niccolò Centioni, Rudi nella serie de I Cesaroni, finita ormai da quattro anni.

Chi l’avrebbe detto che nel suo futuro dopo il successo della sitcom ci fossero proprio “Pentole e bicchieri…”?

Anno 2006 e tra gli italiani stava per nascere un vero e proprio fenomeno. La moda delle serie tv. In prima serata Mediaset lancia una delle sit-com che sarebbe poi diventata per gli anni a seguire un vero e proprio tormentone: I Cesaroni. La famiglia allargata che ha reso la Garbatella un vero e proprio quartiere popolare della Capitale.
Tra i protagonisti Niccolò Centioni, nella serie Rudi. Il piccoletto un po’ ribelle, ma dal cuore tenero figlio di Claudio Amendola.

Una delle serie tv più popolari di sempre. Ad aiutarla nel successo ovviamente il fatto che Netflix, Infinity e i vari streaming non esistessero. Finita la serie, finita la fama. Non per tutti i protagonisti certamente. Sicuramente per Niccolò sì. Il ragazzo dopo il 2014 ha riprovato molte volte a ricomparire sul piccolo schermo. Tra audizioni e tentativi si è dovuto accontentare di una piccola apparizione nel programma Pechino Express. Dopodiché come tanti altri ragazzi della sua età ha comprato un biglietto aereo ed è volato a Londra dove ha iniziato a lavorare come lavapiatti in un ristorante del centro.

Adesso è stufo di aspettare ed è deciso a tirare fuori dal cassetto i suoi sogni, rimasti intrappolati per troppo tempo. Ieri l’ha confessato nel salone di Barbara D’Urso a “Domenica Live”. Prima di entrare, si è concesso uno scatto davanti agli studi Mediaset di Roma caricato poi sul suo profilo Instagram con la didascalia “Questo è il mio mondo..”

Niccolò, classe ’93 e accento romano. Fin da bambino inizia a lavorare nel mondo dello spettacolo, come attore di fiction e pubblicità. Piccole parti nel 1999 in serie tv come “Una donna per amico 2” e “Un prete tra noi 2”. Continua poi con il film “Rocco” di Niccolò Bongiorno fino ad arrivare a far parte della famiglia della Garbatella dal 2006 al 2014 al termine della quale non ha poi ottenuto il successo sperato nel campo dello spettacolo.

Che dire, di ricordi non si vive e il mondo cambia in fretta. Ieri ha già riniziato a far parlare di sé facendo sì che qualcuno si ricordasse di lui. Adesso però, se davvero è ciò che desidera dovrà impegnarsi più che mai per inseguire i sogni che fin da bambino cerca di realizzare.