SOLO 4 ANNI A VARRIALE. LA MAMMA DI ALESSANDRA TENTA IL SUICIDIO

DI CLAUDIA SABA

Dopo la lettura della sentenza che ha condannato l’ex fidanzato di Alessandra Madonna, Giuseppe Varriale, a 4 anni di carcere,
in aula ci sono stati momenti di grande tensione.
L’ex fidanzato aveva trascinato la ragazza con l’auto provocandone la morte.
E così dopo la delusione per il verdetto di quella sentenza ingiusta il papà di Alessandra ha urlato contro il giudice: “questa non è giustizia, me l’hanno uccisa due volte”.
La mamma di Alessandra si è invece barricata in una stanza del tribunale e ha tentato di lanciarsi da un balcone.
È stata una cronista di Mediaset a cui la donna ha detto: “Questa non è giustizia, deve venire il magistrato qui e mi deve chiedere scusa” ad allertare immediatamente un avvocato chiedendo di cercare il magistrato.
Nel frattempo la polizia penitenziaria è riuscita a sfondare la porta e bloccare la donna prima che si lanciasse nel vuoto.
Il Giudice del Tribunale di Napoli ha ritenuto Giuseppe Varriale colpevole solo di omicidio stradale e non di omicidio volontario.
Così la richiesta di 30 anni avanzata dal Pubblico Ministero è stata ridotta a quattro.
Certo è, che nonostante le continue richieste da parte di associazioni e movimenti impegnati nel riconoscimento e certezza della pena per i reati contro le donne vittime di violenza, alcuni magistrati continuano a non tener conto del dilagare del fenomeno senza voler dare la giusta considerazione ad un problema che senza uno stop incisivo non accennerà in alcun modo a fermarsi.