LIBIA-HAFTAR, AL SISI, REGENI E L’ONU: LA TRAGEDIA DI UN PAESE RIDICOLO

DI ALBERTO NEGRI

Inutile prendersela con questo governo, quello di Gentiloni o di Renzi: tutti rappresentano bene un Paese ridicolo che dal 2011 a oggi con la caduta di Gheddafi non si è reso conto non solo di avere perso una guerra ma di avere contribuito con i raid aerei alla sua stessa sconfitta perdendo ogni credibilità sulla Sponda Sud. Detto e scritto mille volte. La vicenda del Global Migration Compact è emblematica: prima diciamo che aderiamo poi smentiamo noi stessi. Nessuno però che si dimetta con un gesto di dignità: in Gran Bretagna chi non era d’accordo con la May se ne è andato. Qui restano attaccati allo scranno senza vergogna: sempre Ma chi volete che creda a questo Paese?