KHASHOGGI VOLEVA FONDARE UN “ESERCITO VIRTUALE”

DI GUIDO OLIMPIO

AGI Istanbul, 2 dic. – Il giornalista saudita Jamal Khashoggi voleva fondare un «esercito virtuale» contro il principe erede al trono Mohammed Bin Salman, descritto come «la bestia». Lo ha rivelato l’emittente la Cnn, che ha pubblicato uno scambio di 400 messaggi whatsapp tra Khashoggi e l’attivista saudita in Canada, Omar Abdulaziz, poi resi noti da quest’ultimo insieme a foto, video e audio messaggi. In un messaggio di Khashoggi, scritto in seguito a un giro di vite che colpì degli attivisti sauditi in patria, il giornalista si riferì al principe Mohammed scrivendo «più vittime fa più ne desidera», per poi aggiungere che «nemmeno chi lo sostiene ora può dirsi al sicuro». Il principe saudita viene descritto come una personalità distorta, «pronto a fare terra bruciata», «amante della violenza, dell’oppressione, della tirannia». Gli scambi si sono spinti fino a immaginare un movimento giovanile saudita, al piano di fornire schede sim straniere ad altri attivisti in patria e raccogliere 30 mila dollari da parte di donatori anti regime per attaccare la propaganda di Riad con un «esercito virtuale». I piani dei due andarono avanti fino ad agosto, quando subirono un brusco stop e all’entusiasmo di aver raccolto i primi 5 mila euro subentrò la paura di essere stati intercettati grazie a un software israeliano.