PURE NEGLI SCANDALI ABBIAMO PERSO CREDIBILITÁ

DI FLAVIA PERINA

Con l’autocritica in stile cambogiano del signor Di Maio scendiamo un altro gradino nella scala della decenza politica per finire là dove i nostri parenti stretti dovranno presentarsi al tribunale del popolo per dire «ho sbagliato ma vi prego salvate la mia famiglia» e gli sbagli saranno minutaglie – il terrazzino non condonato, la baby sitter pagata brevi manu – ingigantite fino a farle sembrare un nuovo affaire Telekom Serbia, una nuova Antelope Cobbler. La piscinetta gonfiabile come la Lockheed, pure negli scandali abbiamo perso credibilità.