BASILICATA. STORIA DI UN MAESTRO E LA SUA BIBLIOTECA ERRANTE PER BAMBINI

DI DARIA FALCONI

Un maestro in pensione ora bibliotecario errante per le strade di Matera. Sembra un romanzo eppure è storia vera. Antonio La Cava con il suo “Bibliomotocarro” blu e una valanga dei suoi libri, da 18 anni parte da Ferrandina, in provincia di Matera (neo-eletta Capitale Europea della Cultura 2019) per una nobile causa. Il suo progetto è partito con l’intento di portare libri ai bambini delle elementari nelle scuole dei paesi più isolati e trascurati della Basilicata e ad oggi presta, con la sua biblioteca itinerante, oltre 450 libri a settimana.
In una intervista ha raccontato come la sua candela della cultura, quella che la mamma accendeva per permettergli di leggere fino a tardi, non si è mai spenta in lui. Sembra una favola contemporanea eppure nasconde la magia che giace dietro ai piccoli gesti. Numerosi bambini accorrono sempre emozionati al suo carretto e possono scegliere tra svariati libri quello che li appassiona di più o sembra chiamarli a gran voce. Ci sono classici, non classici e tra questi anche i “libri bianchi” ossia quei libri che raccolgono disegni e storie di bambini da paesi diversi. E ancora al suo interno, un piccolo cinema fatto da bambini per bambini che ospita pochi spettatori ma molto affezionati. Con l’avvento della tecnologia e la sua comoda e alienante immissione nelle case, Antonio aveva notato preoccupato come i giovani erano sempre più distanti dai libri. Quelli che innumerevoli generazioni prima di noi consideravano fedeli amici e porte per altri mondi da esplorare. E così munendosi di un mezzo di solito utilizzato per portare frutta, verdura e pesce, è divenuto portatore di nobiltà e cultura creando un simbolo riconoscibile ormai da tutti i concittadini. E azioni come queste contribuiscono più di tante pubblicità e innovazioni tecnologiche ad ampliare la speranza che i libri tornino ad essere parte fondamentale anche di questa generazione web 2.0. Perché chi più di un maestro può sapere come si forma l’uomo sulle letture che farà nella sua vita? Un desiderio di restituire valore al più nobile dei mezzi divulgativi tramite gli occhi sognanti dei bambini che crescono con poco.