TAV, PERCHÉ NO IN ESTREMA SINTESI

DI ROBERTO SCHENA

Opera demenziale e costosa.
Spendere miliardi per (tentare di) portare più velocemente turisti italiani dell’area padana, ricca e popolata, a Grenoble, Lione e Parigi è totalmente insensato, demenziale, dannoso. Intanto, da parte francese non c’è altrettanto interesse per l’Italia, al massimo i nostri cugini compiranno qualche gita a Torino per vedere il museo egizio. Di certo non si può paragonare palazzo Caregnano e Stupinigi a Versailles.
Per recarsi a Milano resta di gran lunga più conveniente e sbrigativo l’aereo. A dire il vero anche per la tratta Milano-Parigi resta molto più pratico l’aereo, invece delle noiosissime 4 ore e mezza (se non 5) con la tav. E non ci sarebbe tutto questo traffico tale da ripagare la costruzione, che è di interesse solo per gli alti profitti dei costruttori, non dei cittadini.
La tav per Venezia è altra opera demenziale, dal momento che la città respinge i turisti. Sono già troppi, così fanno solo danni. Oltretutto, la linea sarebbe produttiva solo metà dell’anno.
Il “corridoio” Lisbona-Kiev è demenziale, nessuno va a Lisbona o a Kiev in treno.
Ancora una cosa: LA TAV PER MERCI (la cosiddetta alta capacità) NON ESISTE, è una bufala pazzesca: non esistono treni merci per linee tav, non sono stati nemmeno progettati. Le sperimentazioni di piccolo cabotaggio le stanno avviando adesso, ma qui si pretende di spendere a occhi chiusi.
In ogni caso, nelle ipotesi migliori si parla di far viaggiare i treni merci su linee tav a 120 Km/h al massimo e solo ed esclusivamente di notte. Cose che già avvengono oggi con le linee normali. Il “risparmio di tir” è una bufala pazzesca, non c’è nessuna garanzia. Oltretutto, per consentire il transito di vagoni merci, le gallerie devono essere grandi il doppio, con spesa tripla. E questa è la ragione per cui l’av in Italia è costata molto più che negli altri paesi europei, tanto che l’opera è ancora in passivo, né mai sarà ripagata (senza contare i costi altissimi della manutenzione). In Italia si è voluto realizzate l’av-ac, MA LA PARTE MERCI NON E’ MAI ENTRATA IN FUNZIONE. In tanti anni che la linea c’è, solo oggi si sta sperimentando un trasporto di piccolo cabotaggio.