STIAMO DISTRUGGENDO IL PIANETA

DI GERARDO D’AMICO

Cosa succede d’estate, con 40 gradi, se non si ha l’aria condizionata?
Ecco quello che stiamo facendo al pianeta: stiamo eliminando i condizionatori naturali, i ghiacciai: e non ne abbiamo altri da “accendere”. Quando si scioglie un ghiacciaio, non è un problema solo degli orsi o degli esquimesi.

Quello che si vede in foto è una tragedia, ma in appena 80 anni, ci sarà l’ecatombe anche per noi, quello che Walter Ricciardi ha definito l’Armageddon a fuoco lento: si sta sciogliendo il permafrost, lo strato ghiacciato su cui poggia la placca artica ed antartica. Quelle enormi quantità di terra sprofonderanno, facendo alzare ancor di più il livello del mare ma molto prima saremo tutti estinti, perché adesso inglobano milioni di tonnellate di anidride carbonica, che si libererebbe nell’aria decuplicando l’attuale effetto serra.

Questo la scienza lo dice da anni, ed ora è sotto gli occhi di tutti: ma in Francia scendono in piazza e mettono Parigi a ferro e fuoco perché non vogliono pagare 5 centesimi in più sul diesel, in Italia c’è la levata di scudi di partiti e sindacati contro l’aumento delle tasse per le auto nuove inquinanti, “danneggerebbe il settore”. Negli USA hanno eletto una persona come Trump per poter riprendere le trivellazioni, per riaprire miniere di carbone, per continuare ad inquinare.
In Polonia il primo ministro ha aperto la Conferenza sull’ambiente mettendo in chiaro che non hanno intenzione di rinunciare all’80% della loro energia che viene dal carbone, in Brasile il neo presidente Bolsonaro ha fatto presente che non possono rinunciare all’abbattimento della foresta amazzonica, che è per loro fonte di ricchezza.

Intanto Cina, India, i paesi “emergenti” continuano a sversare tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera, per non parlare di quello che arriva nel mare, per essere competitivi, darci l’ultimo cellulare a prezzi stracciati o il jeans a buon mercato.

Quanto sia miope, autodistruttivo, demenziale continuare su questa strada è purtroppo già evidentissimo. Dagli attuali 70 giorni di ondate di calore, in Italia, arriveremo presto a 250, dicono gli scienziati che hanno sottoscritto la Carta di Roma su salute ed ambiente.

Ed allora non ci saranno condizionatori che basteranno, a proteggerci dalla nostra immensa stupidità e dal nostro mostruosissimo egoismo.

Risultati immagini per STIAMO DISTRUGGENDO IL PIANETA