SECONDA EDIZIONE DI PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI. BILANCIO POSITIVO MA AFFLUENZA CONTENUTA

DI DARIA FALCONI

Si è conclusa ieri la seconda edizione della fiera del libro di Roma Più libri più liberi, nata lo scorso anno e tenutasi dal 5 al 9 dicembre. Quest’anno è stata senz’altro più convincente dell’esordio nel 2017, che non aveva fatto parlare bene di sé per l’evidente “selezione” degli espositori presenti (alcuni favoriti rispetto ad altri) e per la scomoda scelta di date a pochi giorni dal Salone di Torino. E dunque la Nuvola di Fuksas si è nuovamente colorata di rosso affrontando politica, cultura e attualità. Tra gli espositori più importanti sono stati presenti Carocci, Sellerio, e/o e Minimum Fax.
Oltre al Caffè Letterario Rai, dove i programmi più importanti del palinsesto radiofonico e televisivo hanno potuto realizzare puntate in diretta, la Sala Nuvola ha ospitato numerosi incontri tra i quali i più attesi la presentazione di Open, nuovo giornale online di Enrico Mentana, Liliana Segre per lo spazio di Repubblica, il nuovo libro di Marco Travaglio Padrini Fondatori e molti altri ancora. Tanto spazio è stato dato anche agli artisti e fumettisti come Zerocalcare e Leo Ortolani e altri presenti nei propri stand per meeting e firmacopie. Numerosissimi espositori offrivano vasta scelta tra graphic novel e libri illustrati per bambini. Inoltre, tra le diverse iniziative, è stata ben accolta la messa a disposizione di 10.000 buoni da 10€ che la regione ha dato per le scolaresche che ha favorito l’acquisto. Sebbene l’affluenza fosse discreta, in realtà non c’era una grande folla rimanendo su circa 100.000 ingressi come l’anno precedente. Gli spazi erano agibili e godibili eccetto qualche difetto solito per l’organizzazione come i punti di ristoro. I numeri contenuti ,dato il ponte dell’Immacolata e le belle giornate di sole hanno senz’altro favorito l’andamento liscio della fiera e come ha confermato il presidente Annamaria Malato, i presenti e i biglietti venduti sono stati una conferma positiva rispetto a quanto si era preventivato.

Ph: Daria Falconi