INTER USCITA GIUSTAMENTE DALLA CHAMPIONS IN UN GIRONE DIFFICILISSIMO

DI ALBERTO CRESPI

PROVO A RAGIONARE.
Perché leggo e sento cose che non si possono sentire.

1) Credo che l’Inter sia uscita giustamente dalla Champions. Il girone era difficilissimo, eravamo in quarta fascia per cui già il terzo posto a pari punti con il Tottenham è un risultato superiore ai dati – oggettivi – di partenza. C’è un dato altrettanto oggettivo, però, su cui riflettere: in 6 partite su 6 siamo andati sotto 0-1. E’ una cosa che a questi livelli non ti puoi permettere. Due volte abbiamo rimontato e vinto, due volte abbiamo pareggiato, due volte abbiamo perso. Ci sta. Dispiace perché il girone si era messo bene, ma le ultime due partite sono state negative.
2) Passa il Tottenham che è una squadra non tanto più forte di noi, ma più solida e più abituata a certe partite, e che gioca con questo gruppo di giocatori ormai da diversi anni. Non bisognerebbe dimenticare che il Tottenham passa grazie al gol di Eriksen a San Siro, una carambola del tutto fortuita, assai più fortuita del gol di Vecino nel recupero. Però passa anche perché davanti ha due talenti come Eriksen e Alli che sono proprio il tipo di giocatore che manca a noi.
3) A posteriori credo sia stato un grave errore infarcire la lista Champions di esterni abbastanza inutili ed escludere due centrocampisti (Gagliardini e Joao Mario) almeno uno dei quali, ieri sera, sarebbe stato utile. Era meglio mettere in lista Gagliardini e togliere uno fra Keita e Candreva. Ma del senno di poi…
4) La mancanza di Vecino e Nainggolan ieri sera è stata fondamentale, ma non dimentichiamoci che abbiamo giocato due partite contro il Barcellona senza Messi e che il Tottenham non aveva Alli all’andata. E per favore, evitiamo ogni commento sulla formazione del Barcellona di ieri sera: il problema era la nostra, di formazione; abbiamo fatto tutto da soli.
5) l’Europa League oggi è argomento di sfottò, perché noi italiani siamo prima tifosi (spesso volgari e beceri) e poi sportivi, ma in realtà è una competizione vera che assegna comunque un trofeo che, se in cent’anni di storia, l’avessero vinto la Roma o il Napoli ci sarebbero ancora le città imbandierate. Noi l’abbiamo vinta tre volte quando si chiamava Coppa Uefa ed era molto più competitiva di oggi, quindi non capisco perché non si debba provare a vincerne una quarta. Lì ci sono squadre con cui ce la possiamo giocare. E quando si arriva agli ultimi turni sono comunque partite di cartello. Sarebbe bellissimo ritrovarsi ad essere, verso aprile-maggio, l’unica squadra italiana ancora in Europa… ma non voglio galoppare con la fantasia. L’ho detto, voglio ragionare.
6) E il ragionamento mi porta a due timori. Il primo è che ora la squadra possa implodere e Spalletti possa sbroccare. Non sarebbe la prima volta, né per l’una né per l’altro. La squadra ha lacune evidenti (soprattutto i terzini, ma anche la mancanza di un creativo a centrocampo) e ha elementi chiave (Perisic, Nainggolan) in condizioni pietose. L’allenatore ha le sue colpe, ma chi chiede le sue dimissioni non sta, appunto, ragionando. Il secondo è che se la stagione finisce in vacca, Icardi secondo me se ne andrà. E’ uno dei pochissimi, forse l’unico, che esce a testa alta dal girone: ha fatto la Champions per la prima volta in carriera, ha segnato 4 gol in 6 partite, tutti decisivi, se fossimo passati sarebbe stato in gran parte merito suo. Se davvero esplode anche in nazionale, arriveranno offerte pesanti e io – udite – al suo posto le accetterei.

Una nota a margine sui tifosi delle altre squadre. E’ bello vedere che tutti commentano la nostra uscita. Oggi è il giorno in cui ci si prendono gli sfottò e si sta zitti. Ci sediamo sulla riva del fiume (siamo cinesi, no?) e prima o poi i cadaveri passano, state tranquilli. E’ bello avere la conferma che siamo la peggiore ossessione di quasi tutti gli altri. Vorrà dire qualcosa. Come diceva Mourinho, “sento il rumore dei nemici”. I più ridicoli, lasciatemelo dire, sono i milanisti. In questo momento, eh! Perché se si parla di storia del calcio, sono e saranno sempre gli unici autorizzati a parlare. Ai pregiudicati vorrei solo segnalare che sono passate come seconde il Liverpool e l’Atletico Madrid: in bocca al lupo.

Risultati immagini per INTER USCITA GIUSTAMENTE DALLA CHAMPIONS IN UN GIRONE DIFFICILISSIMO